rotate-mobile
Cronaca

Omicidio Rigante, Massimo Ciarelli condannato a 30 anni

Trent'anni di carcere. E' questa la condanna di primo grado inflitta a Massimo Ciarelli per l'omicidio di Domenico Rigante. Diciannove anni per gli altri imputati

Condanna pesante ma niente ergastolo per Massimo Ciarelli, il rom accusato di aver ucciso la sera del 1 maggio 2012 Domenico Rigante in via Polacchi. Per lui il Tribunale ha stabilito una pena di 30 anni di carcere.

Il giudice Sarandrea ha emesso il verdetto ieri sera poco prima delle 19. Diciannove anni e 4 mesi agli altri accusati, ovvero Luigi Ciarelli, Domenico Ciarelli, Angelo Ciarelli, Antonio Ciarelli.

Dunque è stata sposata la tesi accusatoria dell'omicidio premeditato, mentre la difesa chiedeva di considerarlo preterintenzionale, in quanto Ciarelli non avrebbe voluto uccidere Rigante.

Maxi risarcimento anche per i familiari del giovane tifoso. Il giudice ha condannato gli imputati ad una pena pecuniaria pari a 500 mila euro.

La difesa ha parlato di una sentenza amara ma è convinta di poter ottenere una modifica in Appello.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Rigante, Massimo Ciarelli condannato a 30 anni

IlPescara è in caricamento