Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca San Silvestro / Piazza Alcyone

Omicidio Pescara Domenico Rigante: funerale fra lacrime e rabbia

Lacrime, rabbia, commozione ed anche chiare minacce alla comunità rom hanno caratterizzato il funerale di Domenico Rigante, il giovane ultras ucciso la sera del primo maggio

Commozione, rabbia e cori da stadio al funerale di Domenico Rigante, il giovane ultras pescarese ucciso da un colpo di pistola la sera del primo maggio, dopo una spedizione punitiva di un gruppo di rom.

La Chiesa di Villaggio Alcyone, a pochi passi dalla riviera sud, era gremita di persone: tantissimi gli ultras che hanno accompagnato il feretro di Domenico dallo Stadio, dove ha fatto tappa davanti alla Curva Nord, fino alla chiesa, dove lo aspettavano tanti amici e semplici cittadini

Presenti anche il sindaco Mascia ed il Presidente della Provincia Testa.

Non sono mancati momenti di tensione, quando alcuni presenti hanno urlato frasi minacciose nei confronti della comunità rom. «Li cacciamo via da Pescara» hanno ripetuto in coro a lungo i presenti. «Tornerete a vivere nelle roulotte e non nelle case» hanno urlato alcuni tifosi.

Il parroco, don Giuseppe Di Bartolomeo, nell'omelia, ricordando come Domenico avesse contattato il parroco pochi giorni fa per concordare il battesimo della sua bambina di 4 mesi.

Nel corso della cerimonia, una zia del 24enne ha letto una lettera rivolta al nipote: "Da quando era nata stavi sempre con tua figlia. Quando sarà cresciuta le racconterò che suo padre era un grande. Tu amavi la vita e ora la tua vita è stata spezzata".

Il feretro è stato tumulato nel cimitero di San Silvestro.

E proprio poco dopo la fine della cerimonia, è arrivato l'arresto dell'assassino di Rigante, Massimo Ciarelli, preso sull'autostrada A14 all'autogrill di Francavilla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Pescara Domenico Rigante: funerale fra lacrime e rabbia

IlPescara è in caricamento