Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Omicidio Pescara Domenico Rigante, Ciarelli agli avvocati: "Non sono stato io"

Non ha voluto rilasciare dichiarazioni ufficiali davanti al Gip ed al Pm ma ha parlato con i propri avvocati, sostenendo di essere innocente. Massimo Ciarelli, dal carcere di Vasto, si difende dalle accuse di omicidio

Non ha parlato davanti ai magistrati ed al Gip, ma ai suoi avvocati ha fatto sapere di essere innocente.

Massimo Ciarelli si difende dall'accusa di aver ucciso Domenico Rigante, la sera del primo maggio, durante la spedizione punitiva che ha fatto seguito alla rissa scoppiata a Pescara Vecchia.

Intanto proseguono le indagini della Squadra Mobile per risalire anche agli altri componenti della banda che quella sera è arrivata in via Polacchi, dove si trovavano i gemelli Rigante.

In città e nell'area metropolitana pescarese la tensione è ancora alta. I Carabinieri stanno indagando sul grave episodio avvenuto due sere fa nella sala Bingo di Montesilvano, dove un gruppo di persone, con il viso coperto, ha fatto irruzione nella sala alla ricerca di persone di etnia rom.

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Pescara Domenico Rigante, Ciarelli agli avvocati: "Non sono stato io"

IlPescara è in caricamento