Omicidio Cervoni, i risultati dell'autopsia | Spinelli resta in carcere

Il 35enne di Penne è deceduto a seguito dei numerosi colpi alla testa ricevuti, che gli hanno provocato un'emorragia cerebrale. Lo ha stabilito l'autopsia condotta nel pomeriggio dal medico legale Sciarra

Marco Cervoni

Marco Cervoni, il 35enne di Penne ucciso il giorno di Capodanno al Ferro di Cavallo, è morto per i numerosi colpi ricevuti alla testa, che gli hanno causato edema ed emorragia cerebrale. Lo ha stabilito l'autopsia condotta nel pomeriggio dal medico legale Sciarra.

La vittima è stata colpita anche con un corpo contundente, compatibile con la stampella in ferro e il bastone di legno trovati dagli inquirenti in casa.

SPINELLI NEGA LE ACCUSE

L'uomo avrebbe avuto una colluttazione cercando di difendersi dal suo assassino. Prelevati campioni istologici e tossicologici, i risultati definitivi saranno inviati alla Procura di Pescara entro 60 giorni.

Intanto Guerino Spinelli, il 29enne ritenuto responsabile del delitto, rimarrà in carcere come stabilito dal giudice che ha convalidato il fermo. Un consulente di Spinelli ha anche partecipato all'esame autoptico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Pesca illegale lungo il fiume Pescara di cefali, anguille e capitoni: controlli e sanzioni della guardia civile ambientale [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento