rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Omicidio Italo Ceci, l'indagato Michele Rossoni: "Sono innocente, la mia vita è rovinata"

Michele Rossoni, uno dei tre indagati nell'ambito dell'omicidio di Italo Ceci, si dichiara completamente estraneo alla vicenda, nonostante gli inquirenti sospettino possa trattarsi dell'esecutore materiale

Michele Rossoni, imprenditore edile pescarese che figura fra gli indagati nell'ambito dell'omicidio di Italo Ceci, si dichiara completamente innocente ed estraneo ai fatti a lui contestati.

Gli inquirenti, infatti, assieme a Maurizio Ballon (ex capo della banda Battestini) e Mario D'Emidio, lo considerano addirittura l'esecutore materiale del delitto, avvenuto il 20 gennaio 2012 in via De Amicis, davanti al negozio di Ceci.

In un'intervista al Centro, Rossoni si dichiara innocente, sottolineando come la conoscenza con il bandito Ballone si sia limitata al periodo dell'infanzia, aggiungendo di non aver mai conosciuto e visto Italo Ceci. Stesso discorso per l'altro indagato Mario D'Emidio, che avrebbe visto una sola volta per motivi di lavoro legati al figlio.

Rossoni, piccolo imprenditore edile, è disperato in quanto da quando il suo nome è diventato pubblico per l'indagine sul delitto Ceci, ha perso un'importante contratto di lavoro e ora è sul lastrico.

Il 20 gennaio 2012, sostiene di aver passato l'intera serata con la moglie, in quanto era il loro anniversario di matrimonio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Italo Ceci, l'indagato Michele Rossoni: "Sono innocente, la mia vita è rovinata"

IlPescara è in caricamento