rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Omicidio Cagnetta e Rigante, Massimo Ciarelli: "Siamo innocenti"

Massimo Ciarelli scrive una lettera dal carcere dove ribadisce l'innocenza del fratello Angelo, condannato a 21 anni nel processo per l'omicidio di Tommaso Cagnetta

Per Massimo Ciarelli, le sentenze degli omicidi Rigante e Cagnetta sono già scritte.

Il rom accusato del delitto dell'ultras pescarese, avvenuto il 1 maggio 2012, scrive dal carcere una lettera a "Il Centro" nella quale sostiene l'innocenza del fratello Angelo, condannato a 21 anni per il delitto di Tommaso Cagnetta, e parla di un processo già scritto e condizionato dalle loro origini e dal loro passato.

Ciarelli parla di estraneità totale ai fatti da parte del fratello, e auspica un'assoluzione in Appello.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Cagnetta e Rigante, Massimo Ciarelli: "Siamo innocenti"

IlPescara è in caricamento