Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Omicidio Cagnetta, la tragica lite nata per 10 euro?

La tragica rissa finita con la morte di Tommaso Cagnetta, colpito per errore da Angelo Ciarelli, sarebbe stata scatenata per un debito di appena 10 euro. Lo rivela Massimo Ciarelli

Secondo Massimo Ciarelli, fratello di Angelo (accusato dell'omicidio di Tommaso Cagnetta), la lite finita in tragedia nel Ferro di Cavallo sarebbe nata per pochi euro.

A confermarlo, in base alle intercettazioni rivelate dalla Squadra Mobile, anche la madre dei Ciarelli, che precisa "Non per 5 euro, per 10 euro, ma comunque per soldi". Il colloquio è avvenuto in carcere, dove lo ricordiamo Massimo Ciarelli si trova da ormai quasi 7 mesi dopo l'omicidio di Domenico Rigante. Stessa sorte per il fratello Angelo, che invece avrebbe sparato per errore a Cagnetta. La vittima si sarebbe avvicinata all'auto dove si erano rinchiusi i due tossicodipendenti che avevano acquistato una dose da una rom, e che volevano pagare 70 euro invece di 80 euro. Ciarelli avrebbe sparato per colpire i due, ferendo a morte Cagnetta.

TUTTO SULL'OMICIDIO CAGNETTA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Cagnetta, la tragica lite nata per 10 euro?

IlPescara è in caricamento