Brittoli: il figlio di Cesidio Cocco indagato dai carabinieri per omicidio, è intervenuto per difendere la madre

I carabinieri hanno indagato in stato di libertà il 47enne figlio dell'uomo morto al termine di una colluttazione

Il figlio dell'uomo di 74 anni colpito a morte questa mattina a Brittoli è indagato in stato di libertà per omicidio. Lo hanno fatto sapere i carabinieri della compagnia di Penne e del Nucleo Investigativo di Pescara che indagano sulla tragica lite finita con la morte di Cesidio Cocco.

UOMO COLPITO A MORTE NEL PESCARESE

I militari hanno infatti interrogato l'uomo ricostruendo la dinamica di quanto accaduto nell'abitazione dei genitori: allertato dai vicini di casa per un violento litigio fra i genitori, il 47enne è arrivato sul posto ed avrebbe trovato il padre intento a malmenare violentemente la madre. Dopo essere intervenuto, è iniziata una colluttazione ed a quel punto lo avrebbe colpito con una sedia come ha raccontato ai carabinieri. Escluso dunque l'uso di armi ed oggetti taglienti. Si valuta anche l'attenuante della legittima difesa e quindi per lui allo stato attuale non è scattata la misura cautelare dell'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Tragedia nel Pescarese, pensionato rimasto vedovo si toglie la vita

Torna su
IlPescara è in caricamento