Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Omicidio 16enne, i residenti di Campo dei Musici: "Giri strani al parco, ma domenica non ci siamo accorti di nulla"

Il parco Baden Powell, dove è avvenuto il presunto omicidio di un ragazzo di 15 anni, "è diventato un luogo insicuro. Bivacchi e spaccio", dicono i cittadini.

La chiazza di sangue, ben visibile all’indomani del presunto omicidio, si trova tra le sterpaglie, sotto al muraglione della ferrovia. Per arrivare nel punto esatto in cui è stata lasciata la traccia dell’accoltellamento bisogna oltrepassare una recinzione «ormai distrutta», percorrere il sentiero circondato da erbacce e, una volta giunti davanti alle alte mura che delimitano la strada ferrata, svoltare a destra. Il corpo del 16enne, presumibilmente ammazzato da altri giovani nel tardo pomeriggio di domenica, è stato ritrovato in questo punto, dietro al campetto del parco Baden Powell, «frequentato da ragazzini tranquilli ma anche da balordi», precisano alcuni cittadini. «Ci chiediamo come sia possibile finire qui, in questo angolo nascosto. Il ragazzo sarà stato trasportato con la forza?» Domanda un'operatrice della società Pescara Multiservice, sul posto come ogni giorno assieme ad altri colleghi, per ripulire l'area verde. «Di solito troviamo bottiglie di vetro, cicche di sigarette. Pare siano diverse le persone che frequantano questo posto», dice. 

La zona residenziale del Campo dei Musici si sarebbe dunque trasformata in un posto «insicuro, dove nel tardo pomeriggio, tra il bivacco e le presunte attività illecite legate allo spaccio di droga», i cittadini cominciano ad avere paura di rientrare a casa.

«Alle 21 il parco chiude, ma nel pomeriggio c’è un continuo via vai», riferisce un residente della zona, che spesso passeggia con il cane proprio lì. «Domenica alle 18.00 ero qui assieme ad altri residenti. Tutti a spasso con i propri cani, ma sinceramente non abbiamo notato nulla di strano. Forse la lite è scoppiata in un altro momento».

Chi era in casa, negli appartamenti dei palazzi lussuosi del Campo dei Musici, non ha sentito nulla. «Gli unici rumori percepiti sono quelli derivanti dall’arrivo delle forze dell’ordine qui sotto», rivela una signora. «Quando i ragazzi scherzano o alzano la voce, di solito ce ne accorgiamo. Domenica pomeriggio, però, non mi sono accorta di litigi o altro. Intorno alle 22 ho intravisto delle luci dalla finestra e mi sono affacciata. Così ho notato gli uomini della scientifica e i poliziotti».

«Molti non sanno che in questo parchetto si spaccia di continuo», riferisce un ragazzo, mentre attende l’arrivo di un amico che abita proprio in un appartamento vista parchetto. «Ci capita di fermarci a chiacchierare tra noi sulle panchine, ma rimaniamo sempre poco perché c’è brutta gente».

«Delle volte siamo andati dai carabinieri qui vicino, per segnalare il bivacco e altre criticità riscontrate al parco Baden Powell, ma anche nella vicina galleria Muzii, diventata dormitorio di senza fissa dimora. Non avremmo mai immaginato, però, un omicidio proprio in quest’area». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio 16enne, i residenti di Campo dei Musici: "Giri strani al parco, ma domenica non ci siamo accorti di nulla"
IlPescara è in caricamento