rotate-mobile
Cronaca

Occupazione giovanile, Sel: "Puntare sull'e-commerce"

La proposta di Roberto Ettorre: "Formare ogni anno 100 giovani all'utilizzo di sistemi gratuiti per la realizzazione di siti web per e-commerce (vendere tramite Internet)"

"Il problema occupazionale giovanile deve essere affrontato tenendo presente le opportunità concesse dai nuovi sviluppi della tecnologia e dalle mutate esigenze del mercato del lavoro. In tal senso anche un Ente comunale può ideare soluzioni per attivare proficuamente le nuove intelligenze, valorizzandole invece di ridurle e frustrarle verso occupazioni senza futuro".

Ne è convinto Roberto Ettorre (Sel), che spiega: "La proposta del circolo comunale di Sel Pescara sul lavoro giovanile e commercio è ispirata proprio da questi principi e parte da un dato statistico e da un campo ancora poco esplorato ma foriero di ottime risposte, ovvero il settore dell’e-commerce italiano, che ha tassi di crescita annuale a doppia cifra (+18%)".

Ad esempio, le vendite tramite smartphone hanno analoghe percentuali di crescita e sui siti italiani comprano di più anche gli esteri. Poiché la città di Pescara possiede una vocazione storica al commercio e al terziario avanzato, secondo Ettorre è ora di portare questa vocazione nel terzo millennio, cercando di offrire opportunità ai tanti commercianti e ai giovani.

"La nostra proposta - conclude Ettorre - consiste nel formare ogni anno 100 giovani all’utilizzo di sistemi gratuiti per la realizzazione di siti web per e-commerce (vendere tramite Internet). Con questi giovani stipuleremo un patto etico, affinché, dopo che l’Ente comunale li ha formati gratuitamente, essi spendano per sei mesi le competenze acquisite, mettendole a disposizione delle piccole realtà commerciali della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazione giovanile, Sel: "Puntare sull'e-commerce"

IlPescara è in caricamento