Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca

La nonna di Thomas: "Non si può uccidere un ragazzino così, non era un delinquente o un tossico"

Nonna Olga che ha cresciuto Christopher Thomas Luciani, il ragazzo ucciso del parco Baden Powell, esprime il suo rammarico per l'efferato omicidio che ha segnato la fine del nipote

«Non si può uccidere un ragazzino così». A parlare è Olga, nonna di Christopher Thomas Luciani, il ragazzo di 16 anni ucciso nel parco Baden Powell in via Raffaello a Pescara.
Poi, come riferisce l'AdnKronos, parlando di quel suo nipote mingherlino, con la faccia ancora da bimbo e che lei ha cresciuto dopo il disinteresse dei genitori, sin da piccolissimo, aggiunge: «Era un ragazzino come tanti altri, non un delinquente, non un tossico, non un drogato. Era come quasi tutti quelli della sua età, non amava troppo le regole. Faceva progetti, li disfaceva... Mai avremmo pensato che potesse finire così, su quel prato».

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

A novembre scorso era scomparso da casa per tre giorni. Poi lo avevano trovato. E venerdì scorso era scappato dalla comunità di recupero del Molise in cui si trovava. Nel suo futuro c'era un corso da acconciatore, che stava frequentando. «Forse sarebbe stata questa la sua strada», dice la nonna, «forse, ma non lo sapremo mai. Mi auguro che la giustizia faccia il suo corso». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nonna di Thomas: "Non si può uccidere un ragazzino così, non era un delinquente o un tossico"
IlPescara è in caricamento