menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neve a Pescara e provincia: bufera sul sindaco per l'ordinanza "last minute"

Ha scatenato polemiche e reazioni la decisione dell'amministrazione comunale di chiudere le scuole sono questa mattina, con l'ordinanza firmata da Alessandrini poco prima delle 7. Valanga di commenti su Facebook

Come prevedibile, ha scatenato polemiche e reazioni la decisione dell'amministrazione comunale di chiudere le scuole per la neve solo questa mattina.

Verso le 7 infatti è arrivata la firma dell'ordinanza del sindaco Alessandrini che ha disposto la sospensione delle lezioni considerando il peggioramento delle condizioni meteo avvenuto nella notte con nevicate che stanno ancora interessando la città.

Su Facebook il sindaco ha postato l'annuncio della chiusura delle scuole, seguito da centinaia di commenti di genitori e cittadini infuriati.

"È comunque non si fa un'ordinanza del genere a un quarto alle sette, chi doveva partire è partito già, professori, studenti ecc.ecc.. Si fa la sera prima!!!"

"Mo mi vieni a riporta tu a casa! Si potevano benissimo chiudere ieri sera La gente che abita fuori pescara sta già sveglia e molti sono già saliti sull'auto!"

"Io tutta sta polemica non la capisco! Ha fatto bene a chiuderle stamattina e chi alle sette vuole far figurare di essere per strada o già a scuola o al lavoro, la finisse, che non siamo a Milano o a Roma,ma in un soldo di cacio di città!! E inoltre , tutte le scuole in provincia sono chiuse, quindi quali disagi?"

"Voi avete pubblicato mezz ora fa questa notizia ed io mezz ora fa chiamavo i vigili di Pescara che mi dicevano che le scuole erano aperte...mah!!"

"Magari la prossima volta avvisaci quando siamo già in classe"

"Saggia scelta caro sindaco... le auguro una buona giornata, che potrà passare in serenità in quanto ha svolto il suo lavoro correttamente. Cordiali saluti."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento