Cronaca Centro / via Misticoni

Via Misticoni, si infiamma lo scontro sulle multe. Blasioli: “Ricorso per abuso di ufficio”

Il consigliere del Pd risponde al collega del Pdl Foschi: "Gli consiglio di studiare fino ad acquisire anche una laurea e poi farsi nominare giudice per stabilire se una sanzione è legittima o meno"

“Il consigliere Foschi, bocciato e dalla sua maggioranza per il ruolo di Assessore, ha compreso la sua vocazione ed ora ha assunto il potere di dichiarare legittime o meno le multe che la Polizia Municipale di Pescara da giorni esegue su Via Misticoni, nonostante l’ordinanza n. 9/2010 sottoscritta dal Sindaco Mascia, con cui i divieti di sosta sono stati tolti”. Inizia così la nota con cui il consigliere del Pd Antonio Blasioli replica al suo collega del Pdl Foschi sulla vicenda delle multe di via Misticoni.

“A Foschi che mi da consigli su come svolgere gratuitamente la mia professione”, spiega Blasioli, “consiglio di studiare fino ad acquisire anche una laurea e poi farsi nominare giudice per stabilire se una sanzione è legittima o meno. Lo rassicuro invece che, da avvocato, m’impegnerò assiduamente per la redazione di un esposto alla Procura per abuso d’ufficio e mancata ottemperanza ad un’ordinanza sindacale, nei confronti di chi effettua abusivamente le multe (elevate ancora oggi da ben sette vigili, neanche Via Misticoni fosse la strada più pericolosa di Pescara!), facendo notare sempre al Consigliere Foschi, che in nessun punto dell’ordinanza viene resa possibile la sosta solo negli spazi realizzati a terra, mancanti in quasi tutta Pescara”.

Blasioli indica anche il vero problema presente in via Misticoni: “C’è un ritardo della sua Giunta nel non aver tolto le strisce longitudinali continue a terra dopo l’ordinanza citata”.

“Ad ogni buon conto”, attacca Blasioli, “siamo già in possesso di sanzioni irrogate per il semplice divieto di sosta ex art. 40 comma 10 C.d.s. che recita: 10. È vietata: a) la sosta sulle carreggiate i cui margini sono evidenziati da una striscia continua;  laddove la striscia longitudinale continua non ci dovrebbe più essere dopo l’ordinanza del sindaco, ma è sufficiente comunque l’ordinanza per rendere annullabile la multa. e non per la sosta selvaggia, a cui si riferisce Foschi.


Conclude : “Su questa vicenda rassicuro Foschi, che a questo punto devo ritenere lo strenuo difensore di queste multe a danno dei cittadini, che ne vedremo ancora delle belle, mentre accetto il suo consiglio di redigere gratuitamente le difese per tutti i malcapitati automobilisti, che si potranno costituire da soli in udienza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Misticoni, si infiamma lo scontro sulle multe. Blasioli: “Ricorso per abuso di ufficio”

IlPescara è in caricamento