menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trovato morto il terzo speleologo bloccato in una grotta allagata [FOTO]

Tragico epilogo per questa vicenda: la vittima è un geologo 42enne dello Speleoclub di Chieti. Il giovane era originario di Arielli. Il suo corpo senza vita è stato raggiunto dopo molte ore. Le ricerche sono proseguite per tutta la notte

Finisce male la vicenda degli speleologi che erano rimasti bloccati in una grotta allagata a Roccamorice: il terzo uomo, infatti, è stato trovato morto. Si tratta di un geologo 42enne dello Speleoclub di Chieti. Il giovane era originario di Arielli. Il suo corpo senza vita è stato raggiunto dopo molte ore.

L’allarme era stato lanciato nel tardo pomeriggio di ieri da una persona che era a Roccamorice con loro ma non era entrata in grotta. Le ricerche, con la supervisione della prefettura di Pescara, sono proseguite durante tutta questa notte. Sul posto il soccorso alpino, i mezzi del 118 con la Life e i vigili del fuoco del distaccamento di Alanno. Sempre i vigili del fuoco hanno inviato, dalla sede centrale, pompe di sollevamento acqua e gruppi elettrogeni per prosciugare i passaggi allagati.

La zona è stata illuminata dalle cellule fotoelettriche. Sono infine arrivati dal Lazio e dalla Campania gli speleosub dei pompieri, con particolari attrezzature per raggiungere il 42enne rimasto bloccato all’interno; i suoi due compagni, un 31enne dell'Anconetano e un 36enne di Pianella, erano già stati messi in salvo verso le 20 di ieri sera, provati ma in buone condizioni fisiche e trasferiti all’ospedale di Pescara per accertamenti. Purtroppo il giovane di Arielli non ce l'ha fatta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento