rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Castellamare / Via del Milite Ignoto

È morto il chitarrista pescarese Paolo Giordano. Il dolore di Antonacci: "Uomo umile, di talento sincero"

Maestro indiscusso del fingerpicking, ha suonato anche con Lucio Dalla, che lo definì "uno dei migliori chitarristi europei". Se n'è andato a soli 59 anni

A soli 59 anni è morto il chitarrista pescarese Paolo Giordano. Maestro indiscusso del fingerpicking, ha suonato con Lucio Dalla (che lo definì "uno dei migliori chitarristi europei"), Tuck and Patti e Biagio Antonacci. Quest'ultimo oggi lo ricorda, in una story su Instagram, con parole toccanti:

"Ciao Paolo. Hai suonato la chitarra slide in "Se è vero che ci sei". Ora, da dove il cielo è più sereno, continuerai a percorrere la musica accarezzando la grazia. Uomo umile, di talento sincero".

Praticamente unanime il cordoglio da parte del mondo della musica. In particolare Massimo Varini, un noto collega di Giordano, scrive su Facebook: "Grazie, Paolo. Quando mi sono avvicinato alla chitarra acustica facemmo "uno scambio" bellissimo, di quelli che possono accadere solo tra persone e musicisti che hanno le stesse vibrazioni. Anni e anni fa Paolo stava registrando un album tributo a Syd Barret e mi chiese di registrare delle chitarre elettriche, io mi ero avvicinato da pochissimo alla chitarra acustica ed ero affascinato dalle tecniche "miste" con percussioni, tapping, fingerstyle. Invece di farmi pagare un fee e poi di chiedere a lui di fare lezione, ci venne naturale questo "scambio" bellissimo e grazie alle lezioni con Paolo, insieme alle indicazioni di massima che mi diede un altro grande come Pietro Nobile, iniziai con il "piede giusto" per poi proseguire cercando un mio stile. Poi Paolo iniziò ad avere problemi di salute e mi capitò di sostituirlo al festival di Sarzana (Acoustic Guitar Meeting) dove lui era veramente "di casa", potremmo quasi dire "un'istituzione". Un bravo musicista e persona gentile, umile e riservata. Abbiamo perso una bella presenza su questa terra. Ciao Paolo, riposa in pace. Grazie per tutto quanto".

E il pescarese Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, aggiunge: "Il maledetto Covid si è portato via anche il mio vecchio amico Paolo Giordano. Non ho parole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morto il chitarrista pescarese Paolo Giordano. Il dolore di Antonacci: "Uomo umile, di talento sincero"

IlPescara è in caricamento