rotate-mobile
Cronaca Scafa

Non ce l'ha fatta il 42enne di Scafa rimasto gravemente ustionato a seguito di un'esplosione

Gianluca Di Tomasso era apparso subito gravissimo dopo lo scoppio avvenuto nel ripostiglio dietro casa e causato forse da una perdita di gas e l'accensione di una sigaretta: il cordoglio del sindaco Di Fiore e delle associazioni del territorio, si valuta il lutto cittadino

Non ce l'ha fatta Gianluca Di Tomasso il 42enne di Scafa che la sera del 12 novembre è rimasto gravemente ustionato a causa di un'esplosione avvenuta nella piccola rimessa che si trova dietro l'abitazione e causata forse da una perdita di gas e l'accensione di una sigaretta.

Per l'uomo, apparso subito gravissimo e trasportato da Pescara al centro grandi ustionati di Roma purtroppo non si è potuto scrivere un finale diverso. Un lutto che colpisce tutta la comunità a cominciare dal sindaco Giordano Di Fiore tra i primi a giungere sul luogo dell'incidente e il primo ad informare la madre di Gianluca che in quel momento non era in casa, così come fuori erano gli altri familiari.

Una famiglia e conosciuta a Scafa, spiega il primo cittadino. La mamma ha collaborato per diversi anni con il Comune, mentre il papà metalmeccanico come il figlio, ha collaborato con tante aziende del territorio fino a quando due anni fa non è stato strappato all'affetto dei suoi cari dal covid.

Un altro lutto gravissimo per questa famiglia e per il quale Di Fiore è pronto a dichiarare il lutto cittadino nel giorno in cui si terranno i funerali. Giorno ancora da stabilire perché si dovrà prima capire se sarà disposta o meno un'autopsia e dunque attendere che la salma venga riconsegnata per dare a Gianluca l'ultimo saluto.

Da parte dell'amministrazione dunque il cordoglio e la vicinanza così come dalla Misericordia di Scafa che sulla sua pagina facebook scrive: “La confraternita di Misericordia città di Scafa porge le sue più sentite condoglianze alla famiglia Di Tomasso e Dalla Piana per la dolorosa perdita di Gianluca. Che il Signore lo accolga fra le sue braccia. Riposa in pace”. Così anche l'Atletica Valpescara che “si unisce al dolore che ha colpito la famiglia Di Tomasso per la perdita del caro Gianluca”. A fargli da eco anche l'associazione sportiva Sonkei Martial Team di Scafa. Appassionato di pesca per tutti, ricorda con affetto il sindaco, era "lo squalo"

In ospedale dopo il tragico incidente il 42enne era arrivato con ustione sul 60 per cento del corpo. Oggi purtroppo il decesso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non ce l'ha fatta il 42enne di Scafa rimasto gravemente ustionato a seguito di un'esplosione

IlPescara è in caricamento