menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Processo sulla morte di Tiziano Paolucci, chiesto il rito abbreviato

Si è tenuta giovedì scorso l'udienza preliminare del processo a carico del giovane che dovrà rispondere dei reati di omicidio preterintenzionale e di lesioni personali

È stato chiesto il rito abbreviato per il processo riguardante la morte di Tiziano Paolucci, deceduto in viale della Pineta a Pescara a luglio del 2019 dopo un diverbio sfociato in lite con un giovane.
Quest'ultimo dovrà rispondere dei reati di omicidio preterintenzionale per aver cagionato il decesso di Paolucci, a seguito di un diverbio iniziato per motivi di viabilità e del reato di lesioni personali nei confronti di una delle figlie dello stesso, intervenuta per sedare la colluttazione.

Nel corso dell'udienza preliminare, che si è svolta dinanzi al Gip Colantonio, è stato chiesto il rito abbreviato.

L'imputato ha infatti nominato da pochi giorni un nuovo legale che ha sostituito l’avvocato Valerio Argentieri, ovvero il legale Luca Berardinelli. Quest’ultimo, stante la recente nomina ha chiesto termine per poter acquisire procura speciale preannunciando la richiesta di un rito abbreviato condizionato. Il Gip ha disposto il rinvio e la prossima udienza verrà tenuta a fine maggio.

All’udienza si sono costituite parti civili la moglie di Paolucci e le due figlie, rappresentate dagli avvocati Antonello Campanelli e Sabrina Sbaraglia e due fratelli della vittima, rappresentati dagli avvocati Francesco Persio e Pietro Odoardo Vincentini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento