rotate-mobile
Cronaca

Maxim Maravalle, l'autopsia: è morto per soffocamento

L'autopsia eseguita da Christian D'Ovidio sul corpo di Maxim Maravalle, il bimbo di 5 anni assassinato venerdì dal padre, ha confermato che la morte del piccolo è avvenuta per soffocamento

L'autopsia eseguita da Christian D'Ovidio sul corpo di Maxim Maravalle, il bimbo di 5 anni assassinato venerdì dal padre, a Pescara, ha confermato le modalita' e la causa della morte del piccolo, che e' avvenuta per soffocamento.

Non sarebbero emersi altri elementi particolari, nel corso dell'esame che e' stato eseguito alla presenza di un perito. Confermate dunque le ipotesi gia' emerse nell'immediatezza dei fatti, nel corso del sopralluogo che lo stesso D'Ovidio ha effettuato nella casa dove l'uomo ha ucciso il figlio adottivo mentre stava dormendo nella sua cameretta.

Quanto alle modalita' seguite dall'uomo, pero', viene mantenuto il riserbo, considerato che l'interrogatorio per la convalida dell'arresto, eseguito dalla squadra mobile e dalla squadra volante, e' fissato per domani mattina alle 11.30 in carcere. Il gip e' Gianluca Sarandrea.

L'uomo ha detto di aver soffocato il piccolo con un cuscino, spiegando che il piccolo non avrebbe reagito.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxim Maravalle, l'autopsia: è morto per soffocamento

IlPescara è in caricamento