Picciano in lutto, a soli 37 anni è morto don José Alir Contreras

Il funerale del giovane sacerdote, deceduto oggi pomeriggio, sarà celebrato nella chiesa della B.V. Maria del Soccorso nei prossimi giorni, solo dopo l'asportazione dei suoi organi

Don José Alir Contreras

È morto oggi pomeriggio don José Alir Contreras, sacerdote venezuelano in servizio nell’arcidiocesi di Pescara-Penne.

Il giovane parroco di Picciano e Piccianello, classe 1979, colpito nelle scorse settimane da una grave patologia celebrale, e in coma irreversibile da diversi giorni, era arrivato in Italia per completare la formazione teologica iniziata Mérida e conclusa con la specializzazione in Bioetica al Pontificio Ateneo Regina Apostolorum di Roma e aveva conosciuto la realtà dell’arcidiocesi di Pescara-Penne nei periodi estivi degli anni di studio.

In accordo con il suo vescovo monsignor Baldassarre Enricu Porras Cardozo, arcivescovo di Mérida (Venezuela), aveva iniziato un periodo di collaborazione con la chiesa locale «mostrando subito la sua irresistibile simpatia – afferma monsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne – e una spiritualità genuina che si manifestava in una bella capacità di accoglienza e nella propensione ad una serenità caratteristica del popolo latino, ma abbellita e arricchita da una evidente e coinvolgente gioia interiore».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Saranno le comunità che ha servito in questi anni, prima come vicario parrocchiale di don Gino Farinelli, poi come parroco zelante e amato, ad animare il rito delle esequie che sarà celebrato nella chiesa della B.V. Maria del Soccorso in Picciano, nei prossimi giorni, solo dopo l’asportazione dei suoi organi, «segno – continua l’arcivescovo – di una vita che prosegue a farsi dono e del consenso difficile ed amorevole dei suoi genitori, giunti a Pescara poche ore fa, distrutti e sbigottiti, ma disponibili ad un gesto così grande a ridosso, tra l’altro, della giornata nazionale per la donazione degli organi del 1° e 2 ottobre».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento