Lunedì, 15 Luglio 2024
Montesilvano Montesilvano

"La vita rimane la cosa più bella che ho": il video dei 600 alunni dell'istituto comprensivo Rodari

L'iniziativa rientra nell'ambito del "Progetto Musica" tenuto da Simone Pavone. Importante anche il contributo di Alessandro Petrini e Mario Colagrande

Gli oltre 600 alunni dell'istituto comprensivo "Rodari" di Montesilvano-Cappelle sul Tavo hanno reinterpretato il brano di Nek "E da qui" nell'ambito del "Progetto Musica" tenuto da Simone Pavone, che spiega: "Il tema didattico di quest'anno è la bellezza, in tutte le sue forme, con i bambini abbiamo svolto una serie di attività mirate alla scoperta di quanto la musica possa tirar fuori la bellezza di ognuno di noi, esecutori e fruitori. Mi è venuto quindi naturale il pensiero di collegare tutti i loro sorrisi, le loro emozioni, attraverso un unico strumento. A questo punto la canzone di Nek è venuta fuori da sola. Un brano meraviglioso scritto dallo stesso artista emiliano insieme a Marco Baroni, che ho avuto il piacere di conoscere a Zocca".

Poi aggiunge: "La canzone è stata uno degli argomenti del progetto, l'abbiamo analizzata, suonata, cantata, usata per scrivere ed ascoltare. La registrazione del brano è stato solo l'ultimo atto di un lavoro mastodontico, più di 600 alunni della scuola dell'infanzia e della scuola primaria hanno vissuto l'esperienza di cantare e suonare davanti a microfoni e telecamere. Per una settimana, tutti i plessi della scuola si sono trasformati in un set. Anche in questa occasione abbiamo potuto vedere la bellezza dei loro sguardi emozionati, entusiasti".

Il pezzo di Nek recita una frase emblematica: "La vita rimane la cosa più bella che ho". L'intero lavoro è stato reso possibile "grazie al contributo fondamentale di due persone che non smetterò mai di ringraziare, Alessandro Petrini e Mario Colagrande, che hanno messo a disposizione il loro tempo e la loro professionalità per fissare questi momenti e renderli indelebili", precisa Simone Pavone. Il video è visibile a questo link.

Nello specifico, Petrini "si è occupato del video, fino a due giorni prima dell'inizio delle registrazioni era in Islanda per completare le riprese del suo lavoro "Island-Infinite Horizons". Mario, invece, è una delle nuove leve del mio Centro Studi Musicali L'Assolo e per diversi giorni è stato immerso nel suono di 620 voci, le ha messe sul video in maniera autentica, senza forzature che avrebbero fatto perdere al progetto autenticità, così come sono uscite, vere, entusiaste. Inoltre vorrei ringraziare tutto il personale dell'istituto "Rodari", dirigente, docenti, collaboratori e alunni. È stato meraviglioso vedere tutti dalla stessa parte, tutti dalla parte della bellezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La vita rimane la cosa più bella che ho": il video dei 600 alunni dell'istituto comprensivo Rodari
IlPescara è in caricamento