Simona Iannini, maestra del tombolo, premiata in Comune a Montesilvano

Insegnante e artigiana al tempo stesso, ha saputo rispolverare questa antica arte portandola anche nel panorama dell'haute couture internazionale. Le sue creazione entreranno a far parte della collezione Fendi

La sciagura del terremoto del 2009 l'ha costretta a lasciare la sua città natale, L'Aquila, e trasferirsi a Montesilvano dove non ha smarrito la sua originale vocazione artistica.
Simona Iannini, infatti, è maestra nel realizzare merletti lavorati al tombolo e ancora oggi ricama con l'utilizzo dei tradizionali fuselli, creando delle vere e proprie meraviglie artigianali.

Una caratteristica tutta abruzzese, simbolo di storia e costume, che verrà rispolverata nel progetto Agorà di prossima realizzazione, nella sezione dedicata agli antichi mestieri.

Nel frattempo, questa nostra ambasciatrice nel mondo insegna online l'arte quattrocentesca del tombolo ai numerosi followers che la seguono sui social. È recente la notizia riguardante l'interessamento della casa di moda Fendi che ha voluto commissionare alla Iannini una borsa di merletti in stile baguette, con pizzi bagnati nello zucchero e intarsi vari, presentata ufficialmente in passerella a Milano.
Il sindaco di Montesilvano Ottavio De Martinis e il consigliere comunale Lino Ruggero hanno inteso omaggiare la loro concittadina acquisita con una targa di riconoscimento. In cambio hanno ricevuto dall'artista un quadro raffigurante lo stemma della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Diego Armando Maradona e l'Abruzzo, ecco la foto con lo chef Quintino Marcella

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

Torna su
IlPescara è in caricamento