Giovedì, 13 Maggio 2021
Montesilvano Corso Umberto I

Sgomberata nuovamente Villa Delfico a Montesilvano, l'appello del sindaco: "Fondi per avviare il restauro" [FOTO]

L'operazione è scattata questa mattina da parte della polizia locale con una persona che occupava abusivamente lo stabile che è fuggita all'arrivo degli agenti

Nuova operazione di sgombero di Villa Delfico a Montesilvano. Questa mattina la polizia locale è tornata nella struttura abbandonata in corso Umberto, occupata abusivamente da una persona che è riuscita a fuggire all'arrivo degli agenti.

Si tratta dell'ennesimo sgombro dopo quelli effettuati già diverse settimane fa. Il sindaco De Martinis, assieme al consigliere delegato al recupero della villa Di Battista e al consigliere delegato alla sicurezza Forconi per seguire le operazioni. Gli agenti hanno ispezionato tutti i locali e gli operai hanno rimosso il bivacco e alcuni oggetti introdotti abusivamente. Murate ancora una volta le finestre al piano terra. Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale aveva provveduto alla recinzione di tutta l’area, divelta dai vandali. Il primo cittadino ha commentato:

L’ennesima occupazione pone l’attenzione su una struttura storica abbandonata da decenni e per la quale abbiamo chiesto un finanziamento alla Regione Abruzzo per il restauro. È un vero peccato avere edifici di pregio in questo stato, con un giardino così importante che potrebbe essere destinato a numerose attività culturali e che invece è puntualmente preso di mira dalle occupazioni abusive.

Chiediamo ancora una volta aiuto alla Regione per risolvere una questione di massima urgenza sul piano del degrado e della sicurezza. Dopo l’operazione effettuata questa mattina con il consigliere Di Battista abbiamo deciso di mettere in sicurezza l’area retrostante attraverso l’installazione di alcuni pannelli

.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgomberata nuovamente Villa Delfico a Montesilvano, l'appello del sindaco: "Fondi per avviare il restauro" [FOTO]

IlPescara è in caricamento