rotate-mobile
Mercoledì, 22 Marzo 2023
Montesilvano Montesilvano

Le “sentinelle delle civiltà” a lezione di felicità nella scuola Troiano Delfico di Montesilvano nel ricordo di Silvestrone

Ha preso avvio oggi (lunedì 6 febbraio) il progetto “Sentinelle della civiltà” di Claudio Ferrante, patrocinato dall’associazione Carrozzine Determinate e realizzato grazie alla collaborazione con la Farmacia Russo di Montesilvano

È iniziato nella mattina odierna, lunedì 6 febbraio, nell'istituto comprensivo Troiano Delfico di Montesilvano il progetto "Sentinelle della civiltà".
I ragazzi sono stati a lezione di felicità così come ha sempre voluto Andrea Silvestrone tragicamente scomparso sabato scorso insieme a due dei suoi tre figli a causa di un incidente stradale.

«Abbiamo riflettuto molto se rinviare questo percorso pedagogico, per il grave lutto che ha colpito la nostra comunità, ma abbiamo deciso di lasciarci guidare dagli stessi principi che abbiamo sempre condiviso con Andrea Silvestrone», dice Ferrante, «lui era felice, innamorato della vita e dei bambini, ringraziava e condivideva questo percorso culturale che da tanti anni realizzo con la mia associazione. Tre anni fa anche la figlia Nicole aveva partecipato con gioia ed entusiasmo nella scuola di via Valle d'Aosta di Montesilvano. Ed è anche per lui che oggi vogliamo insegnare la felicità ai ragazzi, far capire il senso della vita, la solidarietà, l'empatia e la ricchezza della diversità».
Saranno tutti i ragazzi delle terze medie protagonisti di questi quattro giorni di progetto che si concluderanno il 22 febbraio, dopo aver svolto la passeggiata empatica per le strade della città. 

«La nostra convinta collaborazione come Farmacia Russo nella realizzazione di questo progetto trova oggi ancora più fondamento. La perdita di un campione dello sport paralimpico, di un amico di tutti, come Andrea Silvestrone che insegnava con il suo esempio di vita la vera essenza delle parole felicità, disabilità e inclusione non può che renderci orgogliosi di essere qui a condividere l’esperienza del progetto Sentinelle della civiltà con questi ragazzi e con il cavaliere Ferrante. Avendo avuto il privilegio di conoscere Andrea sono sicuro che lui oggi vorrebbe questo, vederci tutti qui a portare avanti i valori fondanti della sua stessa esistenza», dice Francesco Ferro Russo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le “sentinelle delle civiltà” a lezione di felicità nella scuola Troiano Delfico di Montesilvano nel ricordo di Silvestrone

IlPescara è in caricamento