Montesilvano Montesilvano

Rifondazione contro la sospensione dei contratti delle lavoratrici delle mense: "Penalizzate rispetto alle colleghe di Pescara"

Il segretario provinciale Di Sante attacca l'amministrazione comunale per aver permesso alla Serenissima di sospendere ancora una volta i contratti durante il periodo delle festività natalizie

No a disparità di trattamento per le lavoratrici delle mense scolastiche di Montesilvano della Serenissima Ristorazione, che a Pescara ha raggiunto un accordo con il Comune ed i sindacati per non sospendere i contratti durante le festività natalizie, mentre nella città adriatica ancora una volta è scattata la sospensione.

A sollevare il caso è il segretario provinciale di Rifondazione Comunista Di Sante, che parla di una situazione assurda con una disparità di trattamento per le lavoratrici della stessa azienda a pochi chilometri di distanza:

Purtroppo anche questo Natale le lavoratrici e i lavoratori della Serenissima in servizio nelle scuole cittadine avranno il contratto sospeso. Non saranno versati contribuiti pensionistici, la quota della tredicesima, con la sensibile riduzione dello stipendio. Il blocco dei contratti da parte della Serenissima avviene ogni volta che il servizio non viene erogato: feste patronali, festività come 1 novembre, 1 maggio, 25 aprile, sospensione didattiche durante il Carnevale. Un danno economico rilevante e stipendi che si riducono al minimo, visto che i lavoratori in maggioranza donne sono sono occupati per sole 2/3 ore al giorno.

Secondo Di Sante, come ha fatto la giunta Masci a Pescara, anche la giunta De Martinis deve schierarsi al fianco delle lavoratrici e lavoratori rivolgendo un appello a Pd e M5s affinchè si facciano sentire in consiglio comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifondazione contro la sospensione dei contratti delle lavoratrici delle mense: "Penalizzate rispetto alle colleghe di Pescara"

IlPescara è in caricamento