Montesilvano Montesilvano

Raffaella Carrà a sostegno di un malato terminale

Un ragazzino costretto a uno stato vegetativo persistente dà segni di vitalità solo quando ascolta le canzoni della nota showgirl. Da qui l'idea di un contatto diretto con il suo idolo, che ha promesso che a breve incontrerà il giovane fan

Quattordici anni e un destino crudele che non dà tregua. E' la dura realtà di ragazzino, costretto a uno stato vegetativo persistente. La sua vicenda rattrista, commuove e tocca i cuori di tante persone che hanno fatto scattare una gara di solidarietà che ha dell'incredibile. Lui non parla, non vede, non cammina e si alimenta tramite un sondino, ma reagisce agli impulsi quando vengono stimolati.

Sono le conseguenze drammatiche del morbo di Canavan, malattia rarissima neurodegenerativa. Il protagonista della nostra storia, seguito amorevolmente dalla famiglia e da Vera, volontaria dell'Associazione Family Life di Montesilvano, riesce a dare segni di vitalità quando ascolta le canzoni di Raffaella Carrà.

Basta un ritornello di "Tanti auguri" e d'improvviso si rianima dando l'impressione di essere felice. Da qui l'idea di un contatto diretto con il suo idolo, a coronamento di un desiderio appagante, per lui e per chi gli sta accanto. Giovanna Medoro, presidente di questa onlus "in difesa degli ultimi", come recita lo slogan, si è subito attivata coinvolgendo personaggi dello spettacolo e artisti nazionali affinchè potessero far arrivare il messaggio alla bionda più amata dagli italiani.

Tramite 'Nduccio, al secolo Germano D'Aurelio, si è mosso anche Renzo Arbore che ha trascinato con sè tanti altri volti noti della televisione. Fra questi Massimiliano Lanti, coreografo teramano, che ha fatto parte in passato dell'entourage della Carrà. Un passaparola che alla fine è giunto a destinazione. Nei prossimi giorni, dal Sudamerica, è attesa una telefonata.

Quel "Pronto, Raffaella" sarà soltanto il primo passo verso l'atteso incontro che avverrà al suo rientro dall'Argentina. "Un sogno che diventa realtà" è l'inizio del post pubblicato sui social dalla massima esponente di Family Life.

"Siamo davvero grati con tutti coloro che ci hanno dato una mano. Ho avuto personalmente delle garanzie riguardo la presenza della Carrà che ha promesso di voler incontrare il suo fan. E' un traguardo che ci rasserena ed è visto come un segno di speranza".

Sempre Giovanna Medoro fa sapere che la redazione del programma Rai "Storie vere" si occuperà di questo evento con servizi in diretta. Nel frattempo è stato sollecitato anche il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, affinchè possa trovare una degna sistemazione ai genitori dello sfortunato giovane, alle prese anche con una situazione economica complicata e con cinque figli da mantenere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffaella Carrà a sostegno di un malato terminale

IlPescara è in caricamento