rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Montesilvano Montesilvano

Prostituzione, Maragno replica alle accuse: "Tolleranza zero e massimo impegno"

Il sindaco Maragno interviene in merito alla questione della lotta alla prostituzione a Montesilvano, dopo le polemiche relative alla proposta di Montesilvano Futura di far indossare delle pettorine alle lucciole stradali

Il sindaco di Montesilvano Maragno, torna a parlare della lotta alla prostituzione in città. Il primo cittadino interviene a seguito delle polemiche scatenate dalla bizzarra proposta di Montesilvano Futura di far indossare delle pettorine alle lucciole stradali come segno di identificazione.

Maragno sottolinea come la sua amministrazione fin da subito sia scesa in campo per contrastare il fenomeno dello sfruttamento della prostituzione, con diverse misure già attuate ed in via di attuazione.

"Negli scorsi mesi abbiamo emesso un’ordinanza che impone il divieto assoluto sul territorio comunale, per tutti i conducenti e occupanti di mezzi di trasporto che percorrono strade in prossimità di abitazioni, luoghi pubblici o demaniali o aperti al pubblico, di contrattare, concordare o anche solo di chiedere informazioni a persone dedite all’offerta di prestazioni sessuali o in atteggiamenti comportamentali che manifestino l’intenzione. Abbiamo inoltre sottoscritto una convenzione con la Comunità Papa Giovanni XXIII, associazione fondata da don Oreste Benzi che dal 1990 svolge un’intensa attività finalizzata a ridare dignità alle giovani ragazze vittime di questa orribile tratta. " ha dichairato il sindaco, aggiungendo che a breve sarà firmata la convenzione con l'Anaci degli Amministratori di Condominio, che prevede l'introduzione di una norma che vieta nei regolamenti condominiali l'esercizio della prostituzione negli appartamenti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione, Maragno replica alle accuse: "Tolleranza zero e massimo impegno"

IlPescara è in caricamento