rotate-mobile
Montesilvano Montesilvano

Prostituzione a Montesilvano, accordo fra il Comune e associazione di volontariato

Il Comune di Montesilvano ha firmato un accordo con l'associazione Comunità Papa Giovanni XXIII per la tutela delle ragazze costrette a prostiuirsi lungo le strade della città. "Libereremo Montesilvano da questo fenomeno"

Dopo la decisione del Comune di costituirsi parte civile nei processi riguardanti lo sfruttamento della prostituzione, l'amministrazione comunale di Montesilvano continua a muoversi per cercare di arginare il fenomeno nella cittadina costiera pescarese, firmando un accordo con l'associazione Comunità Papa Giovanni XXIII per la tutela delle ragazze costrette a prostituirsi lungo le strade cittadine.

Ieri il sindaco Maragno ha incontrato il responsabile territoriale Marche Abruzzo Umbria dell’associazione, Luca Fortunato e Cristiano Verziere, del servizio anti-tratta in Abruzzo.

L'associazione ascolta e affianca le ragazze offrendo loro protezione ed accoglienza, aiutandole anche a reinserirsi nel mondo del lavoro.

"Avviare questa sinergia con l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII rappresenta un altro tassello di un percorso che dovrà liberare Montesilvano da un fenomeno che rappresenta un danno per l’immagine della città e, cosa ancor più importante, una violazione dei diritti e della dignità di queste donne" ha detto il sindaco Maragno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione a Montesilvano, accordo fra il Comune e associazione di volontariato

IlPescara è in caricamento