rotate-mobile
Montesilvano Montesilvano

Montesilvano prima città in Italia ad abbattere sia le barriere architettoniche fisiche che quelle sensoriali

Presentato il progetto del Peba che passerà al vaglio del consiglio comunale e proprio questa è la sua eccezionalità: garantire l'accessibilità anche a chi soffre di disturbi del neurosviluppo. Per ora saranno 16 i chilometri del territorio, quelli costieri, interessati dall'intervento da 2 milioni di euro

Il Comune di Montesilvano non abbatterà solo le barriere architettoniche fisiche, ma anche quelle sensoriali per andare incontro ai bisogni delle persone affette da disturbi del neurosviluppo, come quelli dello spettro autistico. È quest la particolarità del Peba (Piano di eliminazione delle barriere architettoniche) presentato e che passerà al vaglio del consiglio comunale. Una particolarità che ne fa un caso unico in Italia.

Un primo step in realtà perché il piano al momento riguarderà complessivamente 16 chilometri e 1.300 ostacoli del territorio, quelli costieri e nello specifico l'area che va dal confine con Pescara ai grandi alberghi, comprese tutte le traverse fino alla strada parco, comprese via Marinelli e viale Europa fino all'intersezione con corso Umberto. A illustarlo nella sala consiliare sono stati i progettisti del Peba, ovvero il raggruppamento temporaneo di professionisti composto dagli architetti Vanja Fratini, Sonia Buccione, Leris Fantini ed Elisabetta Schiavone.

Il sindaco Ottavo De Martinis ha sottolineato come l'amministrazione al Peba lavori sin dal suo insediamento perché la città sia accessibile a tutti e cioè non solo ai disabili, ma anche agli anziani e alle mamme che girano con i bimbi in carrozzina e a tutti coloro che vivono una fragilità anche momentanea. Quello di Montesilvano, ha ribadito, è il primo in Italia a prevedere sia l'abbattimento delle barriere architettoniche fisiche che sensoriali cosa possibile questa grazie all'installazione di un'apposita segnaletica per la comunicazione alternativa aumentativa che si aggiunge al codice della strada. L'occasione è stata anche quella di organizzare un primo incontro di formazione con il personale tecnico amministrativo comunale che sarà chiamato a metterlo in pratica quel Peba da due milioni di euro.

All'incontro erano presenti anche le associazioni Carrozzine Determinate Abruzzo e Angsa, l'Ance e i dirigenti scolastici che delle barriere presenti in città e anche nelle scuole hanno parlato.

“Siamo molto soddisfatti di aver portato a compimento l’iter del Peba che verrà adottato nel prossimo consiglio comunale e che andrà ad eliminare le barriere architettoniche presenti sul territorio – dichiara De Martinis -. In modo specifico questo primo studio prevede la possibilità di rendere accessibile tutta la zona costiera e una volta individuati tutti gli ostacoli l’amministrazione comunale, con l’ufficio tecnico, provvederà all’abbattimento. Questo piano è determinante anche in vista dei lavori che effettueremo in varie zone della città ed è soprattutto il primo piano in Italia che contempla tutte le disabilità, anche quelle legate al disturbo del neurosviluppo”. Conclude ringraziando gli architetti, il consigliere delegato alla Disabilita Giuseppe Mangnaiello, l'ufficio disabili e il presidente di Carrozzine Determinate Claudio Ferrante che responsabile dell'ufficio disabili lo è stato.

“Sono davvero contento di questo grande risultato – afferma - . Montesilvano è diventata un riferimento nazionale per le politiche dell’accessibilità, grazie a un lavoro continuo e costante per analizzare, rilevare e progettare. Ora occorrono dei fondi che portino a compimento il lavoro svolto da questi bravissimi architetti, i massimi esperti del settore in Italia. Abbiamo introdotto questo meraviglioso percorso, i cui frutti li stiamo raccogliendo anche attraverso altre iniziative come le spiagge accessibili che quest’anno ha visto duemila presenze. Il lavoro di questi anni ha prodotto turismo e ha mosso l’economia locale, perché alcune persone con disabilità hanno deciso di acquistare una casa a Montesilvano. Sono molto orgoglioso – conclude Ferrante - di questa amministrazione comunale e ringrazio il sindaco De Martinis e il consigliere Manganiello”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montesilvano prima città in Italia ad abbattere sia le barriere architettoniche fisiche che quelle sensoriali

IlPescara è in caricamento