menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montesilvano, le opposizioni insorgono: "Anche quest'anno niente Bandiera Gialla Fiab"

Sotto accusa l'assessore alla Mobilità, Anthony Aliano, reo di non aver favorito interventi a favore del biciplan esistente e di non aver fornito la documentazione necessaria a sostegno della ciclopedonalità

Un mancato riconoscimento che ha il sapore di una bocciatura. Anche quest'anno la città di Montesilvano non potrà fregiarsi della Bandiera Gialla Fiab, un tempo fiore all'occhiello della precedente amministrazione. Quella che fino a tre anni fa veniva considerata località "bike friendly", per via delle politiche di incentivazione verso la mobilità in bicicletta, oggi è esclusa da questo prestigioso circuito nazionale nonostante i proclami e le direttive intraprese per migliorare la sostenibilità urbana.

Una constatazione che i due gruppi di opposizione, PD e M5S, mettono in evidenza e che è figlia di una mancata documentazione, di uno scarso interesse al biciplan, della poca attenzione verso l'istituzione di zone 30 per la moderazione del traffico e di errori progettuali nella modifica di un tratto della pista ciclabile.

"Questo governo cittadino insiste  con la propaganda sulla sperimentazione della micro mobilità con monopattini elettrici e segway, utilizzando i fondi del cosiddetto Decreto Fraccaro, senza una realizzazione dei raccordi intermodali e mancando addirittura di un Piano Urbano del Traffico, obbligatorio per legge per i Comuni sopra a 30 mila abitanti.

È evidente che la recente scelta di mettere a disposizione i parcheggi per le auto lungo la strada parco costituisce un’opzione che agevola il traffico automobilistico, anziché scoraggiarlo. Ci auguriamo che l'incontro con le associazioni che hanno diffidato il Comune a interrompere i lavori di riqualificazione del lungomare, possa dare i frutti sperati per evitare di perdere riconoscimenti quali l'Oscar dell'ecoturismo e la Bandiera Gialla FIAB, organizzazione della quale l’assessore alla Mobilità, Anthony Aliano, ignorava fino a poche settimane fa nome,  esistenza e funzione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Variante brasiliana in Abruzzo, Marsilio vuole vederci chiaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento