menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovane di Montesilvano condannato per maltrattamenti a un cane

Il tribunale di Pescara si è espresso nei confronti di A.R., 31 anni, condannandolo al pagamento di 7mila euro ai sensi dell'articolo 554 del Codice Penale

Calci, pugni, percosse a danno di un cane di piccola taglia.
Gesti ingiustificati che hanno visto l'applicazione di un provvedimento di legge all'indirizzo di un giovane di Montesilvano, A.R. 31 anni, condannato dal tribunale di Pescara al pagamento di una sanzione pecuniaria di 7mila euro come previsto dall'articolo 554 del Codice Penale.

L'Enpa, costituitosi parte civile, ha visto prevalere le ragioni di sdegno legate ai continui soprusi che un volpino subiva in continuazione. È stato un vicino di casa del condannato a filmare con il cellulare i maltrattamenti che avvenivano all'interno delle mura domestiche. In un'occasione, il padrone violento ha addirittura sollevato di peso il cagnolino da un orecchio e scaraventato contro la parete del balcone. Per la cronaca, il cane è stato affidato a persone più responsabili. I fatti risalgono al 2014.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento