Montesilvano Montesilvano

"Il contraddittorio sistema normativo del lavoro stagionale tiene fuori i giovani", l'esito di una tavola rotonda a Montesilvano

L'incontro è stato voluto dai giovani democratici cittadini e provinciali con le associazioni datoriali e sindacali

Non è il reddito di cittadinanza a tenere i giovani fuori o lontani dal mondo del lavoro stagionale ma è il contraddittorio sistema normativo del lavoro stagionale.
È questo quello che è emerso dalla tavola rotonda che si è tenuta nei giorni scorsi a Montesilvano voluta dai giovani democratici cittadini e provinciali con le associazioni datoriali e sindacali.

A coordinare i lavori è stata Deborah Pizzuti, giovane consulente del lavoro e militante dei Gd montesilvanesi, mentre hanno portato il proprio contributo Gianni Taucci della Confesercenti, Cristian Odoardi della Cna, Sabrina Zimei della Federalberghi e Luca Ondifero della Cgil.

All’incontro erano presenti anche i consiglieri comunali Enzo Fidanza e Antonio Saccone e quello regionale Antonio Blasioli. Dal dibattito sono emerse non solo problematiche ma anche degli auspici per il futuro come quello di istituire un tavolo locale che possa aiutare un percorso di miglioramento della qualità del lavoro, sia per chi lo presta e sia per chi lo offre, in un’ottica di maggiore concertazione tra le parti sociali e con l’obiettivo di far crescere la quantità di posti di lavoro con la qualità di essi. Dal tavolo è tuttavia emerso come a Montesilvano ed in generale sul territorio regionale sia assente una concreta politica di sviluppo da parte di Comuni e Regione.
Questo è il primo di una serie di incontri che i Giovani Democratici di Montesilvano faranno e il cui focus rimarrà la politica del lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il contraddittorio sistema normativo del lavoro stagionale tiene fuori i giovani", l'esito di una tavola rotonda a Montesilvano

IlPescara è in caricamento