Montesilvano Montesilvano / Via Garonna

Dà fuoco alla compagna e a se stesso, dramma da gelosia a Montesilvano

Gelosia ossessiva, autolesionismo, liti continue e violenze fanno da sfondo al dramma avvenuto la notte scorsa a Montesilvano, in via Garonna. Restano gravissime le condizioni del 68enne e della sua compagna

Gelosia ossessiva, violenze, liti e manie suicide. Dietro la tragedia della notte scorsa avvenuta in via Garonna, a Montesilvano, c'è una storia difficile, una convivenza ed una relazione diventata ormai un incubo soprattutto per lei, la donna di 65 anni ridotta in fin di vita dal compagno 68enne che le ha dato fuoco dopo averla cosparsa di benzina, per poi tentare il suicidio nello stesso modo.

Entrambi sono in gravissime condizioni: la donna, in condizioni disperate, è stata trasportata presso il centro Grandi Ustioni di Roma. Per entrambi sono state riscontrate ustioni di terzo grado su oltre il 50% del corpo.

Una notte di follia, vissuta con ansia e timore dall'intero palazzo, dove vivono ben 15 famiglie, svegliate dalle urla dei due. Lo scorso 10 dicembre la donna aveva denunciato per violenza sessuale e stalking l'uomo, che non accettava l'allontanamento da lei. Liti continue, violenze che purtroppo hanno avuto un drammatico epilogo.

In passato il 68enne aveva anche tentato di togliersi la vita tagliandosi le vene, ma proprio la donna l'aveva salvato chiamando il 118. I carabinieri, coordinati dal capitano Marinelli, hanno anche trovato un coltello nell'ascensore.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dà fuoco alla compagna e a se stesso, dramma da gelosia a Montesilvano

IlPescara è in caricamento