rotate-mobile
Montesilvano Montesilvano

Forconi (Fratelli d'Italia) sulla prostituzione stradale a Montesilvano: "Servono più agenti della polizia locale e una legge nazionale"

Il consigliere comunale e delegato alla sicurezza interviene in merito al problema segnalato da alcuni residenti riguardante il degrado e la prostituzione stradale nelle ore notturne dietro la pineta del lungomare

Il consigliere comunale di Montesilvano di Fratelli d'Italia Marco Forconi, con delega alla sicurezza, interviene in merito alla questione della prostituzione stradale nella zona del lungomare e della pineta di Montesilvano, sollevato nuovamente da alcuni residenti che lamentano, durante le ore notturne, la costante presenza di prostitute con relativi clienti soprattutto all'interno dell'area verde e dei parcheggi dietro la riviera, con il conseguente degrado generato da rifiuti di vario genere e preservativi usati sparsi lungo la strada e nella pineta.

Forconi ha spiegato che l'organico della polizia locale ad oggi comprende poco pià di 20 agenti, ed altri 6 ne arriveranno a breve con ulteriori assunzioni grazie al concorso che si è tenuto dopo 38 anni:

"La polizia locale estende l'orario di servizio solo per 3 mesi estivi (causa gravissima carenza di personale) e fino alla mezzanotte. Nei restanti mesi dell'anno, c'è una sola pattuglia per ogni turno che copre una città intera. Quindici anni fa il numero degli agenti era doppio: non accuso nessuno, ma 'qualcosa è andato storto'. Pescara, che demograficamente è solo il doppio rispetto a Montesilvano, ha un numero di agenti molto più elevato in proporzione. Fatta questa premessa, il quarantennale problema del meretricio stradale si può risolvere solo con una legge ben specifica. Ricordo, difatti, che la prostituzione non è penalmente perseguibile ma sono reati il favoreggiamento e lo sfruttamento".

In merito al degrado nella pineta di Santa Filomena, Forconi ha ripetuto che i bivacchi diurni sono stati eliminati e l'area viene ripulita dalla mattina fino alla sera, quando iniziano le problematiche legate alla sicurezza pubblica, di competenza anche dei carabinieri. La soluzione, oltre all'aumento dell'organico della polizia locale, sarebbe quella di recintare la riserva naturale come la pineta dannunziana a Pescara, impedendo l'accesso nelle ore notturne, oltre ad una legge nazionale specifica:

"Come sempre, mi tocca leggere le solite stupidaggini sui social di qualche casalinga annoiata che non ha contezza nemmeno dei più basilari dispositivi di sicurezza e del solito tuttologo che passa il tempo a mettere bocca su tutti gli argomenti dello scibile umano. Il problema sarà risolto. Molti non credevano agli sgomberi dei bivacchi extracomunitari in pineta, ed a quelli di via Ariosto e di via Lazio. Sono sempre gli stessi a lamentarsi ed a loro dedicheremo la più grande vittoria che Montesilvano possa conseguire: eliminare la prostituzione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forconi (Fratelli d'Italia) sulla prostituzione stradale a Montesilvano: "Servono più agenti della polizia locale e una legge nazionale"

IlPescara è in caricamento