rotate-mobile
Montesilvano Montesilvano

Montesilvano, dimissioni Maragno: "Non accetto ordini dalle lobby"

Il sindaco Maragno ha formalizzato le dimissioni annunciate due giorni fa, al termine dell'ultima seduta del Consiglio Comunale. Dura la lettera che ha accompagnato la decisione: "No a lobby esterne al consiglio"

Il sindaco di Montesilvano Maragno ha formalizzato le dimissioni annunciate due giorni fa al termine dell'ultima seduta del consiglio comunale, quando la maggioranza è andata sotto sul voto del rinvio della discussione del Bilancio.

Maragno usa parole dure e dirette nella lettera di formalizzazione delle dimissioni, parlando di lobby esterne al Consiglio Comunale: "pretesa di taluni consiglieri di maggioranza, di legittimare una "cabina di regia" esterna alle cariche elettive, alle funzioni ed ai ruoli dell'Amministrazione Comunale, bypassando la volontà degli elettori e sottoponendo gli Organi comunali ad una intollerabile pressione lobbistica andava ed è stata stroncata senza alcun tipo di esitazione, poiché personalmente - per propensione etica, culturale e professionale - non ho mai accettato né potrò mai consentire alcuna forma di prevaricazione o intimidazione" scrive Maragno che attacca i consiglieri di maggioranza (cinque) che hanno votato con la minoranza.

Maragno prosegue auspicando che gli interessi personali possano finalmente essere messi da parte in consiglio a Montesilvano, augurando ai cittadini "di riuscire finalmente ad esprimere una nuova classe politica capace di realizzare il sogno di avere una città dove il bene Comune sia la priorità assoluta degli Amministratori, tralasciando personalismi e interessi personali".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montesilvano, dimissioni Maragno: "Non accetto ordini dalle lobby"

IlPescara è in caricamento