rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Montesilvano

Il servizio di refezione scolastica a Montesilvano partirà il 10 ottobre

L’assessore alla refezione scolastica e gli asili nido, Barbara Di Giovanni: “Il servizio, fornito sempre dalla ditta Serenissima, quest’anno non prevede particolari restrizioni per il Covid”

Il Comune di Montesilvano conferma in una nota che la refezione scolastica ripartirà il 10 ottobre. Nei giorni scorsi IlPescara.it aveva pubblicato la protesta di una lettrice, che sottolineava come nella cittadina adriatica il servizio sarebbe ricominciato ben un mese dopo il ritorno in classe e, in particolare, molto più tardi rispetto a Pescara (dove invece è iniziato il 19 settembre). Tuttavia l’amministrazione De Martinis non ha ritenuto di dover anticipare l'inizio, e ha incontrato i dirigenti scolastici "accogliendo le esigenze delle varie scuole del territorio". Negli asili nido comunali la ripresa della mensa è invece prevista per lunedì 3 ottobre.

L’assessore alla refezione scolastica e gli asili nido, Barbara Di Giovanni, spiega: “In linea con il passato anche questa volta il servizio partirà la seconda settimana di ottobre. In commissione consiliare alcuni consiglieri hanno chiesto un anticipo del servizio, ma a causa dell’organizzazione dei singoli istituti e per alcuni lavori di adeguamento della Asl nei locali di porzionamento, che si concluderanno tra poco più di dieci giorni, non è stato possibile. Durante l’incontro con i sei dirigenti scolastici si è giunti alla data definitiva e sono stati comunicati i vari regolamenti per l’anno scolastico 2022-23. Il servizio, fornito sempre dalla ditta Serenissima, quest’anno non prevede particolari restrizioni per il Covid, come negli anni passati. Rispetto ai 1.400 bambini dello scorso anno gli alunni che usufruiranno del servizio sono 1.200, compreso i nuovi arrivati nella scuola dell’infanzia e nella primaria”.

Saranno coinvolte le 12 scuole cittadine: la primaria e la scuola dell’infanzia dell’istituto comprensivo Troiano Delfico, la scuola dell’infanzia dell’istituto comprensivo Ignazio Silone: Colle, Colle Mare e Colonnetta; la scuola dell’infanzia dell’istituto comprensivo Rodari: via Saline e via Fonte D’Olmo; la scuola d’infanzia della direzione didattica di via Lazio, via Dante, via Vitello D’Oro e via Valle D’Aosta; la scuola d’infanzia dell’istituto comprensivo Villa Verrocchio di via Adda.

I costi per ciascun pasto, aggiunge Di Giovanni, “sono rimasti invariati e sono stati riassunti in cinque fasce di reddito, a seconda del modello Isee. Si parte da 2 euro per coloro che hanno un reddito fino a 10mila euro, 2,60 euro per chi presenta un reddito superiore a 10mila fino a 13mila euro, 3,20 euro per coloro che hanno un reddito oltre i 13mila euro fino ad arrivare a 16mila, 3,90 euro da oltre 16mila fino a 20mila e, infine, 4,70 euro per coloro che hanno un reddito superiore a 20mila euro. Ricordiamo che da anni nel nostro comune i bambini con 104 non pagano la mensa, invece per i nuclei familiari con tre figli a carico, il terzo bambino non paga. Il pagamento delle tariffe può essere effettuato tramite la nostra app comunale. I due nidi comunali Delli Castelli in via Foscolo e Lo Scoiattolo in via Chiarini riapriranno la mensa il prossimo lunedì con le stesse modalità di somministrazione e tariffe delle altre scuole. In merito ai menu resteranno invariate anche le tariffe dei pasti speciali per gli alunni che hanno delle intolleranze alimentari”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il servizio di refezione scolastica a Montesilvano partirà il 10 ottobre

IlPescara è in caricamento