Montesilvano Montesilvano / Via Garonna

Tentato omicidio - suicidio Montesilvano: è morto Damiano Verna

Damiano Verna, l'uomo di 68 anni ex carabiniere che domenica notte ha dato fuoco a se stesso e alla compagna, è morto ieri sera all'Ospedale di Pescara. Ancora gravissima la compagna

Non ce l'ha fatta Damiano Verna, il 68enne originario di Pianella ex carabiniere ormai in pensione.

L'uomo è morto ieri notte presso l'Ospedale di Pescara. Troppo gravi le ustioni riportate sul corpo dopo il gesto disperato e folle compiuto domenica notte nell'ascensore del palazzo della compagna, una 65enne di Montesilvano.

Verna si era presentato sotto casa della donna (probabilmente l'aspettava da ore in attesa del suo rientro) e dopo l'ennesima lite nata nell'androne è entrato nell'ascensore, dove ha aperto due bottigliette piene di benzina cospargendo di liquido infiammabile la donna prima di fare lo stesso su di se per poi appiccare il rogo.

Lei, invece, è ancora viva ma in condizioni gravi ricoverata nel centro Grandi Ustionati di Roma. Intanto i carabinieri, che qualche settimana fa avevano raccolto la denuncia della donna per violenza sessuale e stalking, dopo l'ennesimo episodio di violenza del Verna, hanno raccolto tutte le prove e ricostruito la dinamica della tragedia. L'uomo, fra l'altro, aveva anche tentato il suicidio proprio a causa della fine della relazione con la donna.

Ancora sotto shock i coinquilini del palazzo di via Garonna, una traversa di via Vestina dove si è consumato il dramma: l'immagine dei corpi avvolti dalle fiamme, delle urla rimarrà a lungo nella mente di chi per primo ha cercato di soccorrerli domenica notte. Due "torce umane" come i vicini li hanno definiti in quegli attimi di disperazione e dolore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato omicidio - suicidio Montesilvano: è morto Damiano Verna

IlPescara è in caricamento