Sale la rabbia dei commercianti di corso Umberto a Montesilvano: "Qui non si ferma più nessuno"

L'associazione commercianti "Montesilvano nel Cuore" si appella alle istituzioni cittadine e minaccia azioni di protesta. I negozianti chiedono azioni di rilancio e meno semafori killer

Le attività commerciali presenti nel tratto a nord di corso Umberto, quello che va da viale Europa all'ex complesso Monti, stanno risentendo più degli altri della crisi economica. Secondo l'associazione "Montesilvano nel Cuore" il motivo è riconducibile alla mancanza di un vero e proprio centro cittadino, inteso come fulcro del commercio e dello shopping. Ad aggravare ulteriormente la situazione è anche il traffico di auto e mezzi pesanti che resta difficile da decongestionare.

CAOS TRAFFICO, CONFESERCENTI SUL PIEDE DI GUERRA

Alle proteste dei negozianti, il Comune risponde con l'installazione di nuovi semafori T-Red al posto di opere necessarie per restituire decoro nella zona. Questa almeno è l'accusa che viene mossa all'amministrazione comunale.

"Nel  corso degli anni, la nostra Associazione di commercianti, ha tentato più volte di aprire un dialogo costruttivo con gli amministratori eletti ma ci siamo resi conto, visto il risultato, che la  nostra  disponibilità  al  dialogo  e  all’azione,  alcune  volte  anche  critica,  è  stata interpretata  erroneamente  come  una  sorta  di  opposizione  politica  e  non  come  un valido supporto alle buone pratiche amministrative legate al rilancio del commercio nella città".

Gli esercenti prendono come esempio via Roma, la cui riqualificazione disarticolata dal contesto urbano non ha portato alcun beneficio.

"Tante mostre proposte sono rimaste inascoltate, dal piano insegne alla delocalizzazione dei cassonetti dei rifiuti, per non parlare dei nostri suggerimenti per una viabilità più fluida e del totale abbandono di questa area che riscontriamo da diversi anni. Le ultime dichiarazioni riguardanti l’installazione di semafori trappole su Corso Umberto, hanno creato forti malumori. In molti sono rimasti basiti perché così facendo si  vuole  continuare  a  far  cassa  sulle  spalle  dei  cittadini, intesi in questo caso come potenziali nostri clienti".

Non è escluso che nei prossimi giorni possano essere intraprese azioni di protesta, con lo spegnimento di luci e insegne, cortei e petizioni per salvare da morte certa il commercio cittadino.

CORSO UMBERTO LUNEDI 3 FEBBRAIO 2020 - MA E LA QUOTIDIANITà-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • La ristoratrice pescarese Marilena Di Stilio del locale "La Pecora Nera" si lancia nel mondo dei film per adulti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Muore davanti alla moglie incinta ed alla figlia: dramma a Montesilvano

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento