rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Montesilvano

Dalla Nuova Pescara alla gestione del verde, il comitato Saline Marina Pp1 presenta le sue richieste al sindaco De Martinis

Il comitato cittadini di Montesilvano espone alcuni quesiti al sindaco di Montesilvano Ottavio De Martinis in vista delle prossime elezioni comunali

Una serie di quesiti e domande relative alla città di Montesilvano, da sottoporre al sindaco Ottavio De Martinis in vista delle elezioni comunali. Ad elencarle il comitato cittadino Saline Marina Pp1 tramite il presidente Giuseppe Di Giampietro, e riguardando varie tematiche: dalla gestione della Nuova Pescara, fino al verde pubblico e ai progetti per le nuove piste ciclabli, il comitato attacca e critica su vari fronti l'attuale primo cittadino:

"Sulla Nuova Pescara è vero che si è sempre opposto a dare attuazione al Referendum popolare del 2014 che ha chiesto la fusione dei comuni di Montesilvano Pescara e Spoltore? E poi, nello statuto della nuova città ha preteso che, oltre che al nuovo comune ci sia la costituzione anche di 4 municipi per la nuova città, con relativi presidenti assessori e bilancio a disposizione? Sul piano urbano del traffico è vero che la legge (Codice della Strada) prevede all’articolo 36 l’obbligo per comuni come Montesilvano di avere un *Put da oltre trent’anni ad oggi* questa città ancora ne è priva. È vero che sulla fascia costiera tra lungomare, corso Umberto e via Verrotti ci sono *75 mila veicoli al giorno* e noi da trent’anni aspettiamo di trovare un’alternativa con il trasporto pubblico sulla strada parco? È a conoscenza delle proteste di cittadini e commercianti di via Emilia, via Lazio e via Chieti che lei ha trasformato a senso unico, senza un piano del traffico e senza il confronto con i cittadini, con problemi di accesso alle attività  intasamenti estivi e pericolosità. Un comitato cittadino l’ha invitata a discutere ma lei si è sempre rifiutato? È vero che, insieme al Put manca anche un regolamento viario che classifichi e regolamenti le strade, e ancora si continua a costruire case con recinto a filo strada, senza marciapiedi, senza parcheggi, senza alberi, senza spazi per la raccolta differenziata dei rifiuti?"

Il comitato poi prosegue con altri quesiti:

"È vero che nel 2019 è stato approvato dalla giunta un Biciplan che prevede una serie di sensi unici sulle strade principali per fare piste ciclabili bidirezionali, ma questo piano non è stato mai portato in consiglio comunale, né ha potuto ricevere osservazioni di cittadini e operatori economici ? Le risulta che gli atti di pianificazione siano competenza del consiglio comunale? Ritiene giuste le direttive della comunità europea che chiede il coinvolgimento di cittadini e stakeholder (portatori di interesse) nelle scelte di governo della città, per migliorare l’efficienza dei progetti ed il senso di identità dei cittadini con la città? Come mai non ha pubblicato i progetti per cui abbiamo ricevuto o chiesto fondi del Pnrr, né discusso le scelte  con cittadini ed associazioni, ascoltando osservazioni e proposte?

Ha presentato alla città il bilancio arboreo alla fine del suo mandato, come le chiede la Legge 10-2013, indicando gli alberi piantati e quelli abbattuti? Ha piantato un albero per ogni nuovo nato come richiesto? Ha ripiantato nella ex stazione Fea il doppio dei 110 alberi abbattuti per far posto ad un parcheggio cemento e asfalto, come promesso ? E’ vero che per piantare un giardinetto con 12 Melie azedarach mature e altri alberelli nelle aiuole riempite di resina di corso Strasburgo ha speso 100 mila euro ? (ossia oltre 8.000 euro ad albero). Quanti alberi intende piantare nei prossimi 2,5 anni di consiliatura? Non crede che una città turistica e di alta qualità ambientale abbia bisogno di un piano del verde, di un vivaio comunale e di un programma di forestazione urbana per arrivare almeno ad un albero per abitante. Come mai oggi ha affidato la gestione comunale  verde ad un perito industriale e ad imprese edili cestello e motosega la gestione ? E’ vero che ancora una volta Montesilvano non ha ottenuto la Bandiera Blu per le città con il mare pulito e politiche ambientali sostenibili e di qualità?  Lo ritiene un successo dei suoi anni da sindaco?"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Nuova Pescara alla gestione del verde, il comitato Saline Marina Pp1 presenta le sue richieste al sindaco De Martinis

IlPescara è in caricamento