Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Montesilvano Montesilvano / Via Basilicata

Montesilvano: nonostante il no al 5g del Comune, le antenne in via Basilicata ci saranno comunque

Il provvedimento del Sindaco che vieta l'installazione di antenne per la diffusione di onde elettromagnetiche 5G non può bloccare la collocazione di altri dispositivi per la telefonia mobile

I residenti di via Basilicata e zone limitrofe avranno comunque le antenne telefoniche. L'attuale amministrazione comunale di Montesilvano si trova a dover gestire una situazione molto delicata. L'unica soluzione adottata, ma non risolutiva, è il divieto di installare stazioni radio per la diffusione del segnale 5G.

Ma la compagnia telefonica francese, in barba al decreto Gasparri, ha ottenuto in precedenza le autorizzazioni necessarie per collocare in quel punto quattro antenne (la più alta è di 30 metri) per la trasmissione di onde elettromagnetiche di frequenze inferiori, ma non per questo non potenzialmente pericolose. Fermo restando che non esistono dati scientifici in grado di stabilire con certezza la dannosità di queste tecnologie, è anche vero che non vi sono elementi del tutto contrari. Pertanto, nel dubbio, i residenti della zona non si sentono tutelati a dovere.

I ripetitori verranno montati su un'area a ridosso di un parco pubblico, nelle immediate vicinanze di una scuola elementare e a distanza ravvicinata dalle abitazioni. Il cantiere si trova a stretto contatto con un campo da pallavolo intestato a Antonio Nardi, un giovane del posto morto per un tumore al cervello. La società appaltatrice dei lavori ha già in mente un piano alternativo, avendo trovato accordi con un palazzo condominiale per piazzare le antenne sul terrazzo qualora dovessero sorgere nuovi ostacoli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montesilvano: nonostante il no al 5g del Comune, le antenne in via Basilicata ci saranno comunque

IlPescara è in caricamento