Montesilvano, scoppia la polemica sulla circonvallazione

Arriva un duro attacco all'amministrazione comunale di Montesilvano e a quella provinciale di Testa da parte del Cna, sulla questione dell'apertura del nuovo svincolo della Circonvallazione. Per il direttore provinciale Salce, bisogna mantenere le promesse per evitare altri incidenti stradali

Si accende lo scontro e la polemica riguardo l'apertura del nuovo svincolo dell'asse attrezzato a Montesilvano. Nei giorni scorsi, infatti, il consigliere comunale d'opposizione Maragno ha inviato al sindaco Cordoma una nota in cui sui sottolinea come il mancato rispetto delle scadenze sia in parte la causa degli incidenti stradali che si sono verificati nella cittadina.

Diversi infatti sono gli episodi di pedoni investiti lungo corso Umberto e sul lungomare a Montesilvano, soprattutto da parte di mezzi pesanti, con conseguenze anche fatali.

Ma le critiche arrivano anche dal Cna, che con il direttore provinciale Salce, ha sollecitato sia il Comune di Montesilvano che la Provincia ad aprire il prima possibile il nuovo tratto di circonvallazione, in modo da dirottare il traffico dei mezzi pesanti sulla nuova direttrice, in modo da dare respiro alle vie principali della città.

"Occorre stringere i tempi per l’apertura del tratto della circonvallazione di Montesilvano, tra Santa Filomena e il cimitero. La città non può più tollerare il prezzo di vite umane che il passaggio del traffico pesante le ha procurato in questi anni. Ma ne va anche delle condizioni di sicurezza in cui si svolge il lavoro delle imprese del trasporto" ha dichiarato Salce.

Anche il Fita/Cna, associazione che raccoglie le imprese di trasporto, è d'accordo con Salce, e dichiara: "I ritardi amministrativi che sono alla base dell’apertura del nuovo tratto della circonvallazione di Montesilvano non possono più essere tollerati. Così come la vera e propria latitanza dell’assessorato regionale ai Trasporti in merito alla richiesta di dirottamento dei Tir sulla A14, peraltro invocato a gran voce dalla nostra associazione a inizio agosto: un argomento che assilla le imprese di trasporto e l’opinione pubblica ma sul quale l’assessorato non ha inteso rispondere. Si tratta di questioni imprescindibili per garantire adeguatamente la sicurezza del cittadino".

Intanto, il sindaco Cordoma ha replicato ricordando come l'Amministrazione comunale si sia sempre impegnata per garantire l'apertura in tempi brevi dello svincolo, aggiungendo: "Trovo veramente poco corretto lucrare politicamente sulle disgrazie dei cittadini attaccando un’Amministrazione presente e non vacanziera che il 14 agosto, nella figura del sindaco, era a ricevere fax dell’Ato e il 17 agosto a fare sopralluoghi sulle strade della città accanto alla Polizia Municipale".

Interviene infine anche l'assessore Di Giacomo, che risponde a Salce del Cna: "Le stesse preoccupazioni che oggi, giustamente, esprime la Cna afferma l’assessore Di Giacomo -, sono le medesime che da circa un anno l’Amministrazione Comunale esterna a tutti gli organi sovra comunali. Lo slittamento dell’apertura della variante in direzione Montesilvano Sud, sulla quale si sta operosamente lavorando da mesi, ha bisogno di ulteriore tempo, non per questioni burocratiche o per disattenzione verso i cittadini, ma proprio per la premessa che l’amico Carmine Salce della Cna pone in questione: la sicurezza".

La data prevista per l'apertura dello svincolo è il 29 settembre, sempre se non ci saranno altri ritardi.


Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • A "L'ingrediente perfetto" su La7 Roberta Capua prepara gli arrosticini in padella con burro e salvia [FOTO - VIDEO]

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

Torna su
IlPescara è in caricamento