rotate-mobile
Cronaca Montesilvano

Montesilvano applaude Paul Young (in playback)

Applausi al Teatro del Mare per questa vecchia gloria degli anni '80, che nonostante un'esibizione in playback ha convinto il pubblico presente. Ma la musica è un'altra cosa

Era stato chiamato a sostituire Manolo, il falso cantante dei Gipsy Kings, e alla fine la sua figura l'ha fatta.

E se a qualcuno 15.000 euro per 40 minuti di spettacolo (in playback) sono sembrati un po' troppi, si metta l'anima in pace: il pubblico di Montesilvano, ieri al Teatro del Mare, ha infatti applaudito più volte la performance di Paul Young, muovendosi anche a tempo sui suoi brani più ritmati.

In un'esibizione che sapeva di revival, l'artista, vecchia gloria degli anni '80, ha riproposto (seppur facendo solo finta di cantare) i suoi più grandi successi, tra cui "Love of the common people", "Every time you go away" e "Tomb of memories".

Spazio anche ad alcune cover, come "Tainted love" dei Soft Cell riletta in chiave swing. E, sul finale, Young ha persino accennato (questa volta dal vivo) la celebre "Nel blu dipinto di blu" insieme alla band "I love Italy", salita sul palco prima di lui per "scaldare" l'atmosfera.

Paul si è poi intrattenuto per qualche minuto nel backstage incontrando i giornalisti e alcuni selezionati fan, dopo di che è andato via. Di certo Montesilvano, al di là delle polemiche, ha vissuto una serata dal sapore internazionale. La musica "live", però, è un'altra cosa.

LA POLEMICA DI PAOLO TALANCA - Sull'argomento è intervenuto polemicamente l'ex presidente della Commissione Cultura, Paolo Talanca, che tramite la sua pagina Facebook ha dichiarato: «Molti mi scrivono in privato sul concerto di Paul Young ieri sera a Montesilvano: "Ma l'hai sentito? Tutto in playback! Ci hanno fatto ascoltare un cd a 15.000 euro più Iva!". Questi i commenti più carini. Tutto previsto, purtroppo, signori. Bastava andare a vedere qualche video su YouTube degli anni recenti per capirlo e rendersene conto. Lo ripeto fino allo sfinimento: la cultura non s'improvvisa. Veder spendere i soldi della collettività in maniera superficiale è avvilente, ma purtroppo, evidentemente, il centrodestra di Montesilvano questo è e questo può. Li hanno votati, ce li dobbiamo tenere. Spero per il minor tempo possibile. Anche per questo, ieri sera, ho preferito la porchetta di Torrevecchia Teatina (contrada Castel Ferrato) al cd di Paul Young a Montesilvano».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montesilvano applaude Paul Young (in playback)

IlPescara è in caricamento