Montesilvano: investita una donna lungo corso Umberto

Ancora un tamponamento stradale ai danni di un pedone a Montesilvano. Una donna di 51 anni è stata investita ieri pomeriggio da un Tir che ripartiva da un semaforo. Le sue condizioni sono gravi. Pochi giorni fa un'altra donna aveva perso la vita

Continua la serie di incidenti stradali che vede come protagonisti i pedoni. Dopo la morte, qualche giorno fa, di una donna sudamericana a Montesilvano, ieri pomeriggio un'altra donna, sempre nella cittadina costiera, è stata investita da un camion.

L'episodio è avvenuto lungo Corso Umberto, a quell'ora molto trafficato. La donna stava attraversando la strada proprio davanti casa, quando, per circostanze ancora da chiarire, è stata investita da un Tir fermo al semaforo che stava ripartendo.

La vittima si trovava esattamente al centro della strada, e non è riuscita a scampare al tremendo impatto con il mezzo pesante. La donna, una psicologa della Asl, è stata colpita alla gamba, che è rimasta schiacciata dalle ruote del Tir.

Subito alcuni passanti sono intervenuti per soccorrere la donna, ferita gravemente. L'ambulanza del 118 è arrivata da Pescara in pochi minuti, e subito i sanitari si sono resi conto della gravità delle sue condizioni.

Dopo il ricovero in ospedale è stata operata d'urgenza alla gamba. Non è in pericolo di vita, ed i medici le hanno dato una prognosi di 90 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento