rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca Montesilvano

Montesilvano, botte alla sorella: "Vergognati, ami un italiano"

Un giovane egiziano di 22 anni è stato arrestato dai Carabinieri di Montesilvano con l'accusa di minacce, violenze e furto ai danni della sorella. Il ragazzo l'avrebbe schiaffeggiata e derubata delle borsa a causa del suo fidanzamento con un ragazzo italiano

Botte ed insulti alla sorella, colpevole di essersi innamorata di un ragazzo italiano. La vicenda è accaduta a Montesilvano, dove un ragazzo di 22 anni, egiziano, è stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di minacce, violenze e furto ai danni della sorella 18enne.

La ragazza, infatti, da tempo si era innamorata di un ragazzo locale, anche lui appena 18enne. La loro relazione era diventata importante, ed i due avevano deciso di andare a convivere.

Questa scelta, però, aveva fatto infurirare il fratello, che da anni è il responsabile delle famiglia, in quanto il padre lavora nel nord italia.

Prima l'aveva seguita ed insultata per giorni, poi era passato alle botte: schiaffi e spintoni nei pressi di una fermata dell'autobus a Montesilvano.

La ragazza però ha deciso di rivolgersi ai Carabinieri per denunciare l'accaduto. Ieri la svolta. L'egiziano torna a perseguitare la sorella nei pressi del parcheggio del Città Sant'Angelo Village, ed addirittura gli ruba la borsa.

Poco dopo, però, è stato fermato ed arrestato dai militari che lo hanno condotto presso il carcere di San Donato.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montesilvano, botte alla sorella: "Vergognati, ami un italiano"

IlPescara è in caricamento