rotate-mobile
Cronaca

Mondiali Brasile, rilasciato Mario Ferri: si era spacciato per disabile

Non si placano le polemiche riguardanti l'invasione di campo di Mario Ferri al Mondiale, durante la partita Usa Belgio. Il Falco, infatti, si è finto disabile per accedere a bordo campo

Continuano le polemiche riguardanti l'invasione di campo di Mario Ferri Il Falco durante la partita dei mondiali in Brasile Belgio Usa.

Il ragazzo di Montesilvano, noto per le sue incursioni durante le partite di calcio, è entrato in campo con unba maglietta di Superman e scritte dedicate a Ciro Esposito e ai bambini delle Favelas.

Rilasciato dalla Polizia locale, è finito al centro di molte critiche in quanto si è scoperto che si è finto disabile, con tanto di carrozzina, per riuscire ad accedere a bordo campo.

"Utilizzare la carrozzella, fingendo di avere un piccolo gesso alla gamba, era l'unico modo per arrivare a bordo campo e mostrare i miei messaggi di pace. Non mi interessa di chi mi offende, sono solo felice di aver dato un chiaro segnale. Basta alla violenza!
Forse qualcuno non sa ancora che quella carrozzella l'ho donata ad un ospedale qui a Salvador, mentre la mia maglietta è stata messa all'asta per donare il ricavato ai bambini delle Favelas. Può confermare anche un grande campione come Roberto Carlos
.".ha dichiarato in un'intervista a Domenico Ascione, dicendo di non ascoltare le critiche arrivate anche dalla FIFA che lo ha criticato proprio per essersi finto disabile.

"Forse si è vero, non è un bel gesto e chiedo scusa a chiunque si sia offeso. Ma ripeto era l'unico modo per lanciare due messaggi di pace"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondiali Brasile, rilasciato Mario Ferri: si era spacciato per disabile

IlPescara è in caricamento