Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Molestava le studentesse in modo seriale, pescarese in manette

L'arresto è scattato questa mattina dopo l’ennesima chiamata ai carabinieri, questa volta da parte di una giovane universitaria fuori sede. L'uomo, con problemi psichici, ha 63 anni

Molestava le studentesse in modo seriale già da alcuni giorni, e ora un 63enne pescarese, con problemi psichici, è finito in manette. L'arresto è scattato questa mattina dopo l’ennesima chiamata ai carabinieri, questa volta da parte di una giovane universitaria fuori sede. 

I militari del Nucleo Radiomobile di Chieti l'hanno trovato tranquillamente seduto a un tavolino della biblioteca universitaria, a Chieti Scalo, e da lì l'hanno condotto in caserma. Successivamente il pm Giuseppe Falasca ha disposto l’arresto dell'uomo per atti persecutori: ora dovrà scontare i domiciliari in una struttura di Ripa Teatina dove attualmente vive.

Contestualmente, il 63enne è stato accusato anche di violazione di domicilio: non solo, infatti, era solito aggirarsi nei pressi della sede teatina dell’università masturbandosi in pieno giorno davanti ai passanti, ma aveva anche preso di mira una ragazza presentandosi, ieri notte, alla porta della sua abitazione e chiedendo insistentemente di entrare in casa.

Il tutto dopo essersi precedentemente denudato e toccato nelle parti intime. Questa mattina il molestatore è tornato in azione e si è ripresentato di fronte all’appartamento. A quel punto sono stati chiamati i carabinieri che, poco dopo, lo hanno rintracciato in biblioteca, bloccandolo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestava le studentesse in modo seriale, pescarese in manette

IlPescara è in caricamento