menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Farmacia del Pescarese vendeva mascherine senza certificazione, nei guai l'importatore per frode in commercio

Le mascherine, importate dalla Cina, erano commercializzate come dispositivi medici di protezione individuale

I carabinieri del Nas, dopo una segnalazione, hanno accertato come una farmacia in provincia di Pescara vendesse mascherine come "dispositivi medici" di protezione individuale.
Dalle ispezioni dei militari dell'Arma è emerso come invece fossero irregolari perché prive di certificazione.

Gli accertamenti dei carabinieri del Nas sulla catena commerciale hanno consentito di ricostruire l’intera filiera e di risalire all’importatore.

Che è stato individuato in un cittadino cinese residente e titolare di una ditta in Piemonte. È stato deferito all'autorità giudiziaria per la frode in commercio di 220 mila dispositivi che presentavano marchi Ce e documenti irregolari, prive di ogni certificazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento