Cronaca

Marò arrestati in India, il Comune di Pescara espone una gigantografia

Anche il Comune di Pescara ha deciso di aderire alla campagna riguardante la liberazione dei due pescatori arrestati in India, esponendo una gigantografia davanti al palazzo di città

La città di Pescara ha ufficialmente aderito alla campagna ‘Salviamo i nostri Marò’, ossia i due fucilieri del ‘San Marco’, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, detenuti in India e per i quali il Governo italiano chiede il rilascio.

Ad annunciarlo è stato il sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia, il quale illustrando l'iniziativa, ha reso noto che a partire dalla mattinata odierna sulla facciata del Palazzo comunale è esposto un banner in segno di solidarietà ai nostri due soldati e alle loro famiglie che stanno vivendo ore d’angoscia.

E soprattutto vuole rappresentare un segno nei confronti del Governo affinchè faccia di tutto per ottenere la liberazione dei due Marò e di tutti gli italiani tenuti in ostaggio in ogni parte del mondo, ha spiegato il primo cittadino. Il banner, che resterà visibile fino al ritorno a casa dei due soldati, ha anche lo scopo di tenere desta l’attenzione dell’opinione pubblica sulla vicenda e di creare tanto rumore da spingere il Governo indiano ad accogliere le istanze dell’Italia.

''Come il resto del Paese anche il capoluogo adriatico, con le sue Istituzioni sta seguendo con apprensione e partecipazione la vicenda dei due Marò, Latorre e Girone coinvolti nella vicenda inerente la morte di due cittadini indiani, e da quel momento ingiustamente detenuti nonostante il ‘caso’ si sia verificato su una nave italiana, in acque internazionali, e quindi si sia chiesto il trasferimento dell’indagine giudiziaria in Italia, competente in materia''. ha detto il primo cittadino pescarese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marò arrestati in India, il Comune di Pescara espone una gigantografia

IlPescara è in caricamento