rotate-mobile
Cronaca Penne

Mare Monti, riparte l'incompiuta? Gli ambientalisti vogliono vederchi chiaro

Gli ambientalisti abruzzesi del Forum H20 chiedono rassicurazioni dalla Regione in merito al progetto di ripartire con la realizzazione della Mare Monti. "No ad invasioni nell'oasi di Penne"

No a nuovi tentativi di assalto all'oasi naturale di Penne per costruire la Mare Monti. E' quanto affermano gli ambientalisti del Forum H20 abruzzese, alla vigilia della riunione convocata da D'Alfonso in provincia per discutere del piano di realizzazione della supestrada il cui progetto fu bloccato e per la quale ci fu anche un'inchiesta giudiziaria.

MARE MONTI, ASSOLTO D'ALFONSO

Il Forum dichiara:

A parte i toni e i contenuti a tratti oscuri della nota, ribadiamo la necessità di evitare nuovi progetti faraonici, indirizzando le decine di milioni di euro disponibili su interventi per la mobilità nell'intera area area vestina, con particolare riferimento alla manutenzione delle strade esistenti nella sede attuale, dalla SS81 alle strade provinciali che sono letteralmente disastrate. 

Tra l'altro interventi di questo genere permetterebbero una spesa quasi immediata mentre interventi faraonici avrebbero bisogno della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.) e Valutazione di Incidenza Ambientale (V.INC.A.; la Riserva di Penne è infatti anche Sito di interesse Comunitario) le cui competenze sono oggi trasferite allo Stato, con ovvio allungamento dei tempi. Inoltre crediamo che ben difficilmente il Ministero dell'Ambiente darebbe il proprio assenso ad interventi incidenti su una delle aree protette più conosciute d'Italia.

Gli ambientalisti concludono auspicando che prevalgano le ragioni dei cittadini a fronte di progetti del passato fallimentari e che potevano provocare danni incalcolabili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare Monti, riparte l'incompiuta? Gli ambientalisti vogliono vederchi chiaro

IlPescara è in caricamento