rotate-mobile
Cronaca Ospedale / Via Monte Pagano

Pignoli (Fli): "Marciapiedi stretti in via Monte Pagano". Ma il Comune smentisce

Il capogruppo di Futuro e Libertà chiede di bloccare l'opera. Replica l'assessore Del Trecco: "Sono stati i residenti a chiederci di ridurre le dimensioni"

Sono larghi "poche decine di centimetri" i marciapiedi che il comune di Pescara sta realizzando in via Monte Pagano. La denuncia e' arrivata da Massimiliano Pignoli, capogruppo di Fli a Palazzo di citta', che ha organizzato sul posto una conferenza stampa per contestare l'operato del Comune, promotore dei lavori.

"Credo che in questo caso le parole siano superflue - ha detto Pignoli - Mi chiedo come si faccia a costruire dei marciapiedi cosi', uno spazio del tutto inadeguato anche per far passare una carrozzella per disabili, o una mamma con passeggino al seguito. Questi marciapiedi sono palesemente non a norma, ha aggiunto il capogruppo di Fli, e rappresentano un rischio anche perche' si trovano in una strada in pendenza. Come si fa a camminare qui, senza correre il rischio di cadere e farsi male?".

Al sindaco di Pescara, all'assessore ai Lavori Pubblici e al dirigente del Settore Fli chiede di "bloccare l'opera e prendere in esame la modifica della stessa, evitando cosi' di costruire un obbrobrio a spese dei contribuenti e dei cittadini pescaresi". Non si escludono "proteste eclatanti" con i residenti di via Monte Pagano, ha annunciato Pignoli, ma la risposta arrivata nel pomeriggio dal Comune tira in ballo proprio i residenti che invece sarebbero favorevoli all'intervento.

"I marciapiedi in corso di realizzazione in via Monte Pagano sono perfettamente a norma, larghi 90 centimetri, ossia utili al passaggio di una carrozzella o di una mamma con passeggino - ha chiarito l'assessore ai Lavori pubblici Isabella Del Trecco - L'amministrazione avrebbe voluto allargare quei marciapiedi sino a un metro e mezzo, ma a fermarci sono stati proprio i residenti di via Monte Pagano, firmatari addirittura di una petizione, che ci hanno chiesto di ridurre le dimensioni di progetto per non dover rinunciare ai posti auto. In altre parole il progetto in corso di realizzazione e' pienamente rispondente alla norma, garantisce l'abbattimento delle barriere architettoniche e, soprattutto, corrisponde ai desideri della popolazione residente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pignoli (Fli): "Marciapiedi stretti in via Monte Pagano". Ma il Comune smentisce

IlPescara è in caricamento