Manoppello: arrestati padre e figlio per droga ed estorsione

I Carabinieri di Manoppello hanno arrestato Aliosha Mammarella ed il padre Marco. Il giovane è accusato di spaccio di droga, mentre il padre di estorsione. L'uomo infatti avrebbe chiesto denaro ad un cliente del figlio, ritenendolo responsabile dell'arresto

I Carabinieri della stazione di Manoppello, hanno arrestato nel giro di pochi giorni Aliosha Mammarella ed il padre Marco.

Il giovane è accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre il padre di estorsione.

La vicenda parte con il fermo da parte dei militari del giovane Aliosha, promessa del calcio chietino. Da giorni i Carabinieri seguivano i suoi spostamenti ed erano insospettiti dal movimento anomalo che si notava sotto la sua abitazione.

Così, hanno deciso di passare all'azione, perquisendolo. Addoso gli sono state trovate due dosi di cocaina, mentre in casa aveva nascosti altri 25 grammi.

Per lui sono scattate le manette.

A seguito di questo episodio, il padre Marco si è presentato a casa di uno dei clienti del figlio, attribuendogli la colpa dell'arresto. Per questo, gli avrebbe chiesto soldi, prima 500 euro, poi mille.

Ma al momento della consegna, sul posto c'erano anche i Carabinieri, che lo hanno arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento